Aggiornato alle: 04:00 di Lunedi 17 Febbraio 2020
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Villa Latina – Il Comune sfratta la Casa Rifugio di Risorse Donna, operatrici e famiglie in protesta

 ULTIME NOTIZIE
Villa Latina – Il Comune sfratta la Casa Rifugio di Risorse Donna, operatrici e famiglie in protesta
14 Febbraio
20:00 2020

 

 

 

Il sociale non va mai in vacanza, ma può essere costretto a ferie forzate. Duro colpo per l’Associazione Risorse Donna Onlus e la Casa Rifugio sfrattata dal Comune, solidarietà dall’assessora regionale Giovanna Pugliese.

Un importante punto di riferimento per donne e bambini che hanno vissuto gravi situazioni di violenza, chiude i battenti nonostante la lunga lotta portata avanti dalle infaticabili operatrici di Risorse Donna, guidate dalla presidentessa Elisa Viscogliosi. La notizia di sfratto è giunta lo scorso novembre tramite Pec, così come accadde qualche anno fa, quando sempre per una Pec del Comune di Villa Latina (all’epoca commissariato), venne perso un importante finanziamento per la Casa Rifugio/Accoglienza. Oggi, più di ieri, Risorse Donna può contare sulla vicinanza di singole persone, Enti e Amministratori regionali. Lo sfratto riguarda i locali che ospitano le donne vittime di violenza e i loro bambini nel territorio della Valle di Comino. Si tratta di una realtà che si è consolidata, accogliendo, negli ultimi 5 anni, 38 donne e ben 52 minori. “La nostra Associazione – spiega in una nota la presidentessa Elisa Viscogliosi – ha ricevuto la comunicazione della fine del contratto di locazione perché l’immobile ‘è da destinarsi ad altro uso’. In tal senso, purtroppo, non si è affatto tenuto conto del prezioso operato sociale svolto dalle volontarie che hanno sostenuto le vittime e indicato loro un percorso verso l’autostima e l’autonomia. Da gennaio non stiamo più accettando richieste di inserimento che arrivano in gran numero dai Servizi Sociali, dalle Forze dell’Ordine e dalle Reti Antiviolenza. Per questo abbiamo ritenuto necessario informare dell’accaduto, chiedendo aiuto, la presidentessa della Commissione femminicidio, Valeria Valente, così come la Ministra per le Pari Opportunità e Turismo della Regione Lazio, Giovanna Pugliese”. E proprio da quest’ultima è giunta una lettera di risposta particolarmente accorata. “Sono venuta a conoscenza della difficile situazione della Casa Rifugio di Villa Latina – si legge – gestita dal 2015 dall’Associazione Risorse Donna e ho espresso la mia più sincera vicinanza alla presidentessa Viscogliosi e alle operatrici che hanno ricevuto la lettera di sfratto da parte del sindaco. Da diversi anni, sul territorio, l’Associazione svolge un lavoro importante nel contrasto della violenza maschile sulle donne. La Regione Lazio considera questo tema centrale ed è in prima linea in questa lotta, con una rete composta da 23 Centri Antiviolenza e 9 Case Rifugio. Al più presto visiterò la struttura di Villa Latina – conclude l’onorevole Giovanna Pugliese – per portare la solidarietà mie e del Presidente Zingaretti alle ospiti e alle operatrici, ma soprattutto, cercherò di identificare con loro una possibile soluzione. Non possiamo cedere di un millimetro in questa difficile azione”. La denunzia pubblica alle Istituzioni è stata immediatamente seguita da numerosi messaggi di solidarietà a livello locale, regionale e nazionale. “La nostra voce è quella di tantissime donne. Ora è imperativo trovare subito un’alternativa per mettere fuori pericolo le vittime”. Con queste parole si è congedata Elisa Viscogliosi, ringraziando quanti stanno combattendo al fianco di Risorse Donna.
Nella giornata di domani, presso la Casa Rifugio sfrattata, sarà ospitata l’assessore al Turismo e Pari Opportunità Giovanna Pugliese della Regione Lazio con al seguito una troupe del Tg3/Lazio.

Caterina Paglia

Parole Chiave - Tags
SOCIAL
LE PIU' LETTE