Aggiornato alle: 18:46 di Martedi 24 Novembre 2020
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Veroli – Frana alla Madonnina, un’ordinanza tardiva non ha evitato il peggio

 ULTIME NOTIZIE
Veroli – Frana alla Madonnina, un’ordinanza tardiva non ha evitato il peggio
22 Marzo
09:00 2018

 

 

 

 

La lettera del Comune al proprietario del terreno è stata inviata il 14 marzo ed è arrivata il 16, troppo tardi per correre ai ripari.

Dopo l’invito dell’ente a trovare una soluzione, il proprietario ha subito nominato un geologo per gli interventi richiesti facendo però notare che ‘la messa in sicurezza compete ad altri e non a lui direttamente’. In una lettera inviata sia alla Provincia che al Comune precisa quanto segue: <In riferimento alla comunicazione del 14.03.2018, prot. N. 4713 riguardante “caduta massi in prossimità della S. P. n. 50 in loc. Madonnina”, alla nostra nota del 19.03.2018 inviata sia al Comune di Veroli (protocollo stessa data) ed alla Provincia (PEC 19.03.2018 ore 12:58:05) e al sopralluogo con tecnici del Comune stesso e della Provincia di Frosinone, a seguito del quale e stata emessa ordinanza di chiusura di detta strada, riassumiamo quanto asserito dai tecnici sopramenzionati, in particolare i tecnici della “Provincia” chiedono di provvedere alla rimozione dei materiali franati e dei sedimenti accumulati nel tempo, utilizzando parte del materiale per creare un argine parallelo alla carreggiata, allo scopo si trattenere eventuali altre cadute di materiale dal costone roccioso soprastante. Per quanto sopra chiedo agli enti in indirizzo autorizzazione alla realizzazione dei lavori richiesti per una provvisoria sistemazione, in attesa che il Comune ?, la Provincia ?, la Regione ?, provvedano alla bonifica definitiva dell’intero sito. E’ evidente che perdurando le avverse condizioni atmosferiche la possibilità di intervenire non sono immediate. Avendo nominato un geologo, come richiesto dal Comune di Veroli, sarà questo professionista che ci guiderà nei tempi e nei modi di effettuazione del lavoro (sistemazione provvisoria). Prima di iniziare i lavori sarà nostra cura informarvi in modo che, nell’ottica di garantire la sicurezza, possiate organizzarvi e far presenziare vostri tecnici che possano sovraintendere alle operazioni. Fermo restando che per quanto riportato nella nostra del 19.03.2018 non riteniamo che i lavori di messa in sicurezza spettino a noi [il costone oggi pericoloso è stato creato dal (Comune/ Provincia) nell’allargare la strada]. Confermo la mia più totale disponibilità>. Causa maltempo gli interventi non sono ancora iniziati.

 

Parole Chiave - Tags
IN EVIDENZA

.

SOCIAL
TOP NEWS