Valle del Sacco – Emergenza ambientale, Coldiretti: “Basta polemiche” | TG24.info
Aggiornato alle: 04:00 di Martedi 28 Settembre 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Valle del Sacco – Emergenza ambientale, Coldiretti: “Basta polemiche”

 ULTIME NOTIZIE
Valle del Sacco – Emergenza ambientale, Coldiretti: “Basta polemiche”
06 Agosto
16:31 2015

 

 

Situazione ambientale sempre più allarmante per i comuni della Valle del Sacco: integrità delle acque e del suolo a rischio. Il direttore e il presidente della Coldiretti invitano la popolazione ad unirsi e ad intervenire il più in fretta possibile.

“Non ci sono più riflessioni, considerazioni, ragionamenti da fare. Li abbiamo tutti esauriti dopo dieci anni di emergenza ambientale, sanitaria e umanitaria. Dobbiamo accelerare, velocizzare, dobbiamo bruciare le tappe e risolvere definitivamente questa situazione, rispondendo con dignità e profondo rispetto ai disagi, alle perdite economiche, alla chiusura di stalle e aziende agricole, ma soprattutto alla sofferenza di quelle famiglie che, a causa dell’inquinamento ambientale, hanno vissuto il dolore della perdita di un congiunto. I dati del Ministero della Salute che certificano l’eccesso di mortalità nei comuni della Valle del Sacco impongono una maggiore assunzione di responsabilità e consapevolezza sulla necessità di agire in fretta, di bonificare, di risanare in tempi certi e brevi, per evitare che la conta delle morti causate dal disastro ambientale continui ad aumentare e per evitare che altre attività agricole e zootecniche siano costrette a chiudere i battenti. Il territorio è chiamato a fare squadra per tutelare la salute della popolazione e salvaguardare l’economia della provincia”. Sono queste le allarmanti parole del direttore provinciale della Coldiretti di Frosinone, Giuseppe Campione. “Sono notizie che addolorano e che inquietano soprattutto chi – commenta Vinicio Savone, presidente provinciale della Coldiretti – vive e lavora proprio nella Valle, come nel mio caso. Evidentemente, quanto fatto finora non è bastato; Serve un miglioramento del sistema di misure che Regione Lazio e Ministero, ciascuno per la propria area di competenza, dovranno attuare sul territorio per rimuovere radicalmente le fonti e le conseguenze dell’inquinamento. Garantire la sopravvivenza delle attività agricole – conclude Savone – non significa soltanto tutelare l’economia, ma anche assicurare la difesa dell’ambiente e preservare l’integrità del suolo e delle acque”.

Parole Chiave - Tags
  •  

IN EVIDENZA

.

SOCIAL
TOP NEWS