Aggiornato alle: 20:15 di Martedi 14 Luglio 2020
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

ULTIM’ORA Conte: “Dati incoraggianti, è iniziata la fase 3. Ma il virus non è scomparso” (video)

 ULTIME NOTIZIE
03 Giugno
18:50 2020
(di Alessandro Andrelli) Conferenza stampa “dovuta” del premier Conte, nel giorno in cui si riaprono di fatto le frontiere tra le varie regioni, e si torna a viaggiare anche in Europa.

“Gli ultimi dati sono incoraggianti, ma questo non vuol dire che il virus è scomparso. Abbiamo bisogno e ci meritiamo la socialità ritrovata, ma questo non significa che non dobbiamo rispettare i protocolli che ci siamo dati per la fase 2, in particolar modo l’utilizzo delle mascherine”. Flash che sanno molto di slogan rivolti alla popolazione e che non possono trascurare il dispendio economico e sociale che ha avuto questa pandemia: “Quanto attuato finora equivale a circa 3 manovre di bilancio e questo non va assolutamente dimenticato. Dobbiamo fare i conti con l’emergenza economica e sociale. Ci rendiamo conto dei ritardi, ci rendiamo conto che ci stiamo confrontando con una legislazione che non era affatto pronta a erogazioni così generalizzate. Di questi ritardi ho chiesto già scusa e stiamo intervenendo per pagare più velocemente bonus e ammortizzatori sociali”.
Il rispetto delle regole è fondamentale, questo è chiaro, ed è doveroso un messaggio del genere da parte del presidente Conte: “I soldi dell’UE vanno spesi bene, così come occorre la coesione politica e quel clima di dialogo tra gli stati generali e le parti sociali che spero nei prossimi giorni ci permettano di ritrovarci attorno a un tavolo e valutare le prossime mosse da mettere in atto”.

” Le uniche misure efficaci contro la diffusione del virus sono il distanziamento fisico e l’utilizzo, ove necessario, delle mascherine di protezione. Abbandonare il rispetto di queste precauzioni, perché si ritiene che il virus sia scomparso, è una grave leggerezza completamente smentita dai dati dei contagi che, seppure in calo, vengono registrati quotidianamente”, evidenzia il premier. “L’altra notizia importante è che anche i turisti europei da oggi possono viaggiare verso l’Italia senza sottoporsi a quarantena”, prosegue Conte, sottolineando l’impegno dei ministri affinché l’Italia “torni ad essere la meta ambita. Più che mai ora dobbiamo concentrarci sul brand dell’Italia nel mondo”.

Insomma, una conferenza stampa “dovuta” dove il premier Conte ribadisce il proprio impegno, fa mea culpa sui ritardi e spera ci sia la giusta voglia di collaborare e forse rispettare le decisioni governative, senza fomentare risentimento e rabbia sociale.

Alessandro Andrelli

Parole Chiave - Tags
SOCIAL
LE PIU' LETTE