Torrice – Abuso d’ufficio, assoluzione per Alessia Savo e la sua giunta | TG24.info
Aggiornato alle: 18:05 di Martedi 28 Settembre 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Torrice – Abuso d’ufficio, assoluzione per Alessia Savo e la sua giunta

 ULTIME NOTIZIE
Torrice – Abuso d’ufficio, assoluzione per Alessia Savo e la sua giunta
29 Luglio
22:28 2021

 

 

Nei giorni scorsi la terza sezione della Corte di Appello di Roma, accogliendo la memoria resa dall’avvocato Domenico Marzi nell’ interesse dell’ex sindaco Alessia Savo e della sua ex Giunta, ha dichiarato inammissibile l’appello proposto dal Pubblico Ministero avverso la decisione dello stesso tribunale di Frosinone che aveva mandato assolti tutti gli appellati accusati di abuso d’ufficio. Il tutto perchè il fatto non sussiste

Come prevedibile non sono mancate le parole di Alessia Savo. In primis nei confronti della minoranza e in particolare dell’avvocato Alfonso Santangeli: <Si pone così la parola fine ad un’ altra delle vicende giudiziarie stimolate dall’antagonista principale della città di Torrice, Avv. Alfonso Santangeli, che presentó una denuncia innanzi la Procura della Repubblica di Frosinone, dando impulso ad una iniziativa giudiziaria che si arenò già in primo grado, ritenendo insussistenti le accuse relative all’assunzione dello staff, motivo di polemica feroce da parte di quella oramai “consolidata” minoranza malata di un giustizialismo dai tratti psicotici, che percepisce tipicamente una realtà distorta e se ne convince così tanto da farsene pure vanto e oggetto di “battaglie” che possono solo saziare quegli affamati di vendette immotivate, mosse dalla frustrazione più penosa, che applaude strabicamente e trova il suo buon inizio di giornata nel cercare di ferite coloro che da sempre rappresentano e sono ciò che loro stessi avrebbero voluto e non riescono>. Un fiume in piena la Savo:<Ne ho visti in questi anni e ancor più di recente, di questa gentaglia ed è per questo che io, Fabrizio De Santis, Patrizio Testani, Valtere Tallini, dinanzi alla possibilità di avvalerci della prescrizione per le succitate accuse, abbiamo detto no! Volevamo giustizia, volevamo che nulla potesse rendere nebulosa la nostra storia amministrativa, fatta di lavoro, impegno, squadra, soddisfazioni, speranze e fierezza nel rappresentare e guidare la crescita della comunità che amiamo da sempre e che si chiama Torrice! Quella stessa comunità che andava rispettata nel momento in cui, potevo ricandidarmi a Sindaco e ho detto di no, perché la sete di potere che riguarda tanti, non mi è mai appartenuta; perché all’ indossare la fascia tricolore ho sempre preferito essere Sindaco nei fatti, lavorando sodo per ottenere finanziamenti e creare opere e servizi nel Comune che guidavo, senza far proclami o partecipare alla corsa dei post sul “chi ha fatto che e che cosa”; perché fiera della squadra che meritava di proseguire e che ha il Dott. Assalti come candidato a Sindaco, a cui non mancherà il mio sostegno e vicinanza>. Conclude l’ex sindaco: <In questa vicenda veniva lesa la mia onorabilità e quella della mia famiglia. Famiglia che tra i propri valori ha messo sempre ai primi posti la giustizia e l’ onestà! Eppure, un cittadino libero, in questa Italia, deve temere in ogni istante per la sua libertà, per la sua onorabilità , perché sotto l’egida di una gestione della giustizia lenta, ed in alcuni casi, arrogante, miope e mai giudicabile>. CAP

  •  

IN EVIDENZA

.

SOCIAL
TOP NEWS