Aggiornato alle: 21:32 di Mercoledi 22 Maggio 2019
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Strangolagalli – Enzo Cinelli e Amedeo compagni nel cammino di S. Benedetto

 ULTIME NOTIZIE
Strangolagalli – Enzo Cinelli e Amedeo compagni nel cammino di S. Benedetto
28 Agosto
18:00 2017
Riceviamo e pubblichiamo nota arrivata in redazione.

Con la consegna del Testimonium nell’abbazia di Montecassino il vulcanico Enzo Cinelli e l’amico Amedeo, nei giorni scorsi hanno portato a termine il cammino di S. Benedetto. Quattro tappe in sella ad una gravel ed una MTB, circa 340 km, con una rilevante l’altimetria e la Ciociaria che nonostante l’assenza di importanti altezze lungo il tracciato, si rivela davvero un impegnativo percorso. La partenza da Norcia, un anno dopo il terrificante terremoto, è toccante e lascia il segno, le macerie purtroppo sono onnipresenti e mettono un senso di amarezza e sconforto, ma quei nostri concittadini hanno bisogno della nostra presenza turistica e non solo. Pedalare lungo le strade provinciali perugine, reatine, aquilane, romane e ciociare, tutte poco trafficate e con gli automobilisti che hanno un grande senso di rispetto verso pellegrini e ciclisti, è davvero tonificante e consigliato a tutti, con una minima preparazione fisica. L’occasione per visitare tanti luoghi suggestivi, pieni di arte, cultura, spiritualità, natura e gastronomia: la spina dorsale dell’Italia è uno spettacolo che si assapora appieno pedalata dopo pedalata. Gli incendi di questi ultimi mesi, sono stati purtroppo un costante scenario di questo ciclopellegrinaggio. Le soste notturne al Capisterium di Norcia, alle Querce di Tora a Rieti, nella foresteria del convento S. Scolastica a Subiaco ed al punto 113 vFS a Strangolagalli sono state scelte per approfondire al meglio questo modo nuovo di fare accoglienza peregrina, da parte di tanti volontari, famiglie e istituti religiosi.

“Volutamente ho scelto luoghi di pernotto extra commerciale – ha sottolineato Enzo Cinelli, ospitaliere dall’estate 2011 sulla via Francigena Sud – L’accoglienza povera donativa è un modello che deve esser valorizzata ed incentivata in Italia, assieme a una codificata segnaletica, cura dei percorsi, apertura di chiese e presenza di timbri per completare la “Credenziale del pellegrino”, sono il volano dei cammini sacri in Italia. Ogni angolo di questa Italia è una fiorire di bellezze architettoniche, culturali ed ambientali uniche. – conclude questo singolare pellegrino dai lacci gialloblu, che ha portato i propri piedi a Santiago, Roma, TerraSanta e Gerusalemme, Monte S.Angelo – Crescente è il numero di pellegrini e viandanti, che si incrociano lungo le strade e un’ottima percentuale di essi è composta da europei, principalmente da Olanda, Germania, Francia ed Inghilterra”.

E conoscendo la dinamicità e caparbietà di questo ciclopellegrino, sicuramente nei prossimi mesi lo vedremo percorrere altre vie sacre.

Fonte comunicato stampa

Articoli Correlati

LE PIU' LETTE