Serie B – Top & Flop Ascoli vs Frosinone 0-1: coraggio, qualità, terreno e condizione | TG24.info Sport
Aggiornato alle: 22:23 di Martedi 18 Maggio 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

TG24.info Sport

Serie B – Top & Flop Ascoli vs Frosinone 0-1: coraggio, qualità, terreno e condizione

 ULTIME NOTIZIE
Serie B – Top & Flop Ascoli vs Frosinone 0-1: coraggio, qualità, terreno e condizione
20 Settembre
08:01 2017
Un’altra gara da cardiopalma, l’ennesima di questo avvio di stagione, premia il Frosinone che passa ad Ascoli in pieno recupero.

Andiamo ad analizzare gli aspetti positivi e quelli negativi della trasferta marchigiana.

TOP 

Il coraggio giallazzurro. Questa squadra non molla mai! Un Frosinone che gioca sempre fino alla fine, non lascia nulla di intentato e non smette mai di crederci, come solo le grandi squadre sanno fare. La formazione impaurita nei finali vista troppo spesso lo scorso anno ha lasciato il posto a un gruppo che non si ferma davanti a niente e ci prova con cuore e testa fino all’ultimo secondo.

La qualità. Non bastano solo cuore e grinta per vincere, servono anche le doti tecniche. Lo dimostrano Camillo Ciano che cambia volto al match con il suo fatato piede sinistro, altrettanto fa Emanuele Terranova con uno stacco di testa perfetto per scelta di tempo e capacità d’inserimento.

FLOP

Il terreno. Campo pesantissimo al “Del Duca”, un terreno di gioco inzuppato dalla pioggia che ha reso difficoltoso non solo il gioco palla a terra ma ha anche limitato la capacità di movimento degli 22 giocatori.

Alcune gambe pesanti. Il Frosinone vince e per larghi tratti convince in questo avvio di stagione ma è innegabile che qualche giocatori fatichi ancora a trovare la condizione migliore. Anche ad Ascoli Maiello è parso imballato, probabilmente a causa dell’infortunio che ne ha rallentato la preparazione, mentre Dionisi e Soddimo hanno risentito della “ruggine” accumulata durante la squalifica. Ci si può ancora permettere di aspettarli e quando saranno tutti al top sarà davvero difficile interrompere la marcia dei giallazzuri.

 

Roberto Caporilli

LE PIU' LETTE