Aggiornato alle: 22:13 di Venerdi 4 Dicembre 2020
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

TG24.info Sport

Serie B – Frosinone vs Cosenza 0-2, pagelle: prestazione sconcertante, si salva solo Bardi

 ULTIME NOTIZIE
Serie B – Frosinone vs Cosenza 0-2, pagelle: prestazione sconcertante, si salva solo Bardi
20 Novembre
22:59 2020
Prestazione difficile da commentare per il Frosinone, clamorosamente battuto in casa dal Cosenza.

Sconfitta stra-meritata per i giallazzurri, di fatto mai in partita in un match che li vedeva largamente favoriti alla vigilia. I cosentini colgono meritatamente la prima vittoria della loro stagione perché vanno al doppio della velocità, hanno molta più fame e costruiscono buone trame, riuscendo a verticalizzare con pericolosità. Dall’altra parte una squadra scollata e senza idee, con reparti eccessivamente distanziati, che corre poco e a vuoto. Si salva il solo Bardi, mentre dalla difesa all’attacco non può che esserci una sfilza d’insufficienze al termine di un match che dovrà necessariamente far riflettere.

Le pagelle di Tg24Sport.

FROSINONE (3-4-1-2)

Bardi 7: l’unico a salvarsi in una serata pessima che senza diversi suoi interventi prodigiosi si sarebbe potuta trasformare in un vero e proprio incubo.

Brighenti 5: sbaglia meno rispetto ai compagni di reparto ma comunque è spesso in ritardo.

Ariaudo 4,5: dopo un buon inizio si abbassa troppo e lascia tanto spazio agli avversari.

Szyminski 4: troppo poco mobile per correre dietro agli avversari, quando è costretto ad allontanarsi dall’area soffre tantissimo.

Salvi 5: spinge pochino, non coinvolto come al solito in sede d’impostazione, diverse sbavature anche quando deve coprire.
(59′ Kastanos 5: non trova mai la posizione giusta in mezzo al campo e il suo ingresso passa inosservato)

Tabanelli s.v.
(12′ Tribuzzi 4: avrebbe la piccola attenuante di entrare a freddo ma non azzecca una giocata in nessuna delle due metà campo)

Maiello 5,5: prova a mettere ordine negli sterili attacchi ciociari e fa vedere qualche spunto discreto, però quando la squadra gioca a ritmi così bassi il regista ha le sue responsabilità.

Beghetto 4,5: cross sempre sbilenchi che non centrano mai l’area di rigore, si ostina a fermarsi sempre sulla trequarti senza cercare il fondo.
(78′ Zampano s.v.)

Rohdén 5,5: i suoi inserimenti spezzano la difesa cosentina in avvio ma cala vistosamente alla distanza.
(59′ Dionisi 5: Pochissimi palloni a sua disposizione, nemmeno lui riesce a dare la svolta)

Novakovich 4,5: impalpabile nel dialogo con i compagni e in fase di finalizzazione, gestisce con goffaggine le poche palle buone che gli capitano.
(78′ Parzyszek s.v.)

Ciano 4,5: cerca disperatamente di mettersi in partita e finisce spesso con il forzare la giocata, nel tentativo finora vano di dare la svolta a una stagione incredibilmente opaca.

Mister Nesta 4: la sua formazione ha pochissime idee e manca anche la gamba per metterle in pratica. La difesa è troppo bassa rispetto alla pericolosità dell’avversario, il centrocampo è sfilacciato, non fa filtro e non cuce il gioco verso gli attaccanti. Una prestazione sconcertante, specialmente dopo aver avuto dieci giorni per ricaricare le batterie e preparare la sfida.

COSENZA (3-4-1-2)
Falcone 6,5
Legittimo 6,5 (87′ Schiavi s.v.)
Idda 6,5
Tiritiello 6,5
Bittante 7
Sciaudone 7
Bruccini 6,5
Vera 7 (Corsi 6,5)
Bahlouli 7 (65′ Konè 7)
Baez 7,5
Carretta 8 (87′ Sacko s.v.)
Mister Occhiuzzi 8

Arbitro Di Bello 6: sempre vicino all’azione, lascia giocare in un match che a tratti diventa molto fisico, bravi i giocatori del Cosenza a farsi trovare maggiormente pronti.

 

Roberto Caporilli

Articoli Correlati

LE PIU' LETTE