Aggiornato alle: 19:07 di Lunedi 23 Novembre 2020
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

TG24.info Sport

Serie B – Frosinone vs Avellino, Longo: “Gli irpini sono una sorpresa, massima attenzione”

 ULTIME NOTIZIE
Serie B – Frosinone vs Avellino, Longo: “Gli irpini sono una sorpresa, massima attenzione”
16 Novembre
15:25 2017
(di Alessandro Andrelli) Conferenza stampa pre-gara per il tecnico del Frosinone, Moreno Longo. Ecco le dichiarazioni del tecnico gialloazzurro.

“Ariaudo rientra, Krajnc dall’inizio, Gori dal primo minuto. Besea non so ancora se giocherà. Il numero di centrocampisti non lo abbiamo deciso. L’Avellino ha cambiato più volte modulo e decideremo entro domani sera come giocare”.
Come sta gestendo questo periodo il gruppo?
“Quello che mi onore di allenare è un gruppo che ha dimostrato dall’inizio di essere una vera squadra, con tanta coesione. Saper stare insieme anche nei momenti difficili è fondamentale. Siamo sempre stati in emergenza. Tra infortuni e indisponibili non siamo mai stati tutti al 100%. Il campionato è lungo e questo chiaramente lo sappiamo tutti, ma questo gruppo è maturo e unito”.
Che partita sarà quella con l’Avellino?
“Avevo identificato l’Avellino come una delle sorprese della stagione. Squadra da prendere con il massimo rispetto. Ha un allenatore esperto che fa giocare le squadre con concretezza. Servirà davvero una partita con grande cinismo. Dovremo saper leggere la partita e scendere in campo con la giusta concentrazione e cattiveria”.
Questione Nazionale. Cosa ne pensa di quanto è successo e sta succedendo nel movimento?
“Parliamo di una pagina spiacevole per il calcio italiano. Non avere la Nazionale al Mondiale è un segnale molto forte. Questo segnale è una grande possibilità però, per tutto il movimento. Andrebbe riorganizzato tutto e sono convinto sarà fatto. La problematica non è da ricondurre in un punto solo, o ad un solo responsabile. Primo mancano le strutture. Non può essere che si debba girovagare per poter far allenare la squadre. A cadere l’investimento nel settore giovanile deve essere importante. Non è possibile oggi in un settore giovanile vedere degli istruttori che lo fanno come dopo lavoro. Bisogna creare professionismo. I ragazzi nella scuola calcio possono imparare di più e devono farlo con istruttori pagati a dovere dalle società, che facciano questo come lavoro a tempo pieno. Oggi un allenatore giovanile deve occuparsi di calcio come un lavoro primario. Va trasmessa una cultura sportiva che permetta a tutti di crescere. Non si può più andare avanti con la cultura del più furbo. C’è da tornare ad un calcio più umile e concreto. Ora c’è sin troppa immagine nel calcio, spesso conta solo quella. Le seconde squadre hanno il loro perché e sono certo avrebbero molta importanza. Un fuori quota in Primavera è un talento ma non ha un confronto reale e dunque perde la sua crescita. Regolarizzare i giocatori italiani è sicuramente un’altra riforma importante. Insomma c’è molto da fare ed è giunto il momento di cambiare”.
Questione arbitrale, andrebbe detto in Lega quanto stanno pesando alcune scelte per il Frosinone.
“In queste scorcio di campionato siamo stati più penalizzati di tutti questo è innegabile, senza nemmeno un rigore. Anche nel nostro campionato la Var potrebbe fare la differenza. La tecnologia potrebbe fare la differenza”.
Terranova Frara e Soddimo, come procede il loro recupero?
“Frara sta andrà in piscina nei prossimi giorni. Soddimo è un po’ più avanti. Terranova ha un distorsione ed è ancora dolente. Oggi non so dire quanto ci vorrà e quando torneranno a disposizione”.
Alessandro Andrelli

Articoli Correlati

LE PIU' LETTE