Serie B – Ascoli vs Frosinone -1, conferenza Longo: “Previsti cambi. Dovrò io tenere la squadra concentrata” | TG24.info Sport
Aggiornato alle: 22:23 di Martedi 18 Maggio 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

TG24.info Sport

Serie B – Ascoli vs Frosinone -1, conferenza Longo: “Previsti cambi. Dovrò io tenere la squadra concentrata”

 ULTIME NOTIZIE
Serie B – Ascoli vs Frosinone -1, conferenza Longo: “Previsti cambi. Dovrò io tenere la squadra concentrata”
18 Settembre
19:34 2017
(di Alessandro Andrelli) Alla vigilia di Ascoli-Frosinone conferenza stampa di presentazione per il tecnico Moreno Longo. Ecco le sue dichiarazioni:

Bene la vittoria  con il Bari, ma quanti gol presi. Solo numeri?
“I numeri vanno presi con le molle ma vanno sempre rispettati. Nelle prossime due partite ci potrebbe essere spazio per dei cambiamenti. Le rivoluzioni non mi sono mai piaciute. Quando c’è un cambiamento radicale purtroppo non sempre c’è la possibilità poi di fare delle valutazioni giuste. Faremo due-tre spostamenti rispetto alla gara con il Bari”.
Maiello e Ciano non al top, ad Ascoli qualche cambio?
“Sapevamo che Maiello non sarebbe stato subito al top, stessa cosa per Ciano, che ha bisogno di più tempo per stare al meglio della condizione. Lo stesso Citro non è al meglio e prima di vederlo al massimo occorrerà del tempo”.
3-4-2-1 come modulo ad Ascoli?
“Per il modulo abbiamo ancora 24 ore per stabilire la strategia per affrontare al meglio dell’Ascoli. Non voglio sentir parlare di Perugia. Servirà il miglior Frosinone possibile. Sappiamo di avere valide alternative. Non è detto che riproporremo il tridente ad Ascoli”.
Tanto entusiasmo per questo avvio. Se lo aspettava?
“Siamo contenti che ci sia entusiasmo. Sappiamo bene quanto sia necessaria la vicinanza dei nostri tifosi. Siamo umili però e piedi ben piantati a terra. Lo stesso entusiasmo vorrei ci fosse però a fine campionato. Ci dedicheremo molto più sui dettagli della difesa, ma occorre comunque avere massima attenzione.
Soddimo può ricoprire indistintamente due ruoli. Ha tempi di gioco importanti. E’ chiaro che si gioca in undici. Chi sta meglio gioca, in base al sistema di gioco dell’avversario si scelgono i migliori giocatori per scendere in campo. Si fanno delle scelte, sempre e comunque, specie nei pro dalla serie A alla Lega Pro. Stiamo valutando la possibilità di cambiare qualcosa”.
Ascoli, che avversario sarà?
“Giudizio positivo. Un mix di giovani ed esperienza di grande interesse. E’ una squadra che anche con la guida tecnica che ha sta proponendo un gioco fatto di palla a terra molto interessante”.
Dopo un mese di campionato si aspettava questa serie B e qualcuno può aver deluso?
“Mi aspettavo questo dal primo mese di serie B. Per quanto ci riguarda Bari e Pescara sono signore squadre. Tutte sono alla ricerca di equilibrio, specie quando si cambia un allenatore, come è successo anche a noi. Se penso al Palermo, che forse ha qualche punto in meno del previsto, posso dire che le insidie in serie B non mancano.  Con i nomi non si va molto lontano, conta quanto si è diventati squadra. A parlare è sempre e solo il campo”.
Euforia dell’ambiente, non si rischia che la situazione sfugga di mano?
“Starà a me tenere tutti sulla corda e al massimo della concentrazione. Dovremo essere bravi a non distrarsi. Non mi aspettavo questi risultati, senza presunzione. Ho avuto una risposta matura da parte della squadra, dei giocatori e dell’ambiente. Abbiamo ribattuto sempre colpo su colpo, ad iniziare dal Udine dove abbiamo affrontato una squadra di categoria superiore. Dobbiamo pensare una partita alla volta, cercando di fare il massimo. Non sarà sicuramente una passeggiata. La squadra non torna dopo Ascoli, rimaniamo in ritiro fino alla gara di Perugia vicino Ascoli”.
I giovani della rosa, avranno spazio?
“Per loro posso dire che stanno crescendo, specie Matarrese che non era abituato a questo tipo di campionato. Discorso diverso per Besea e Volpe. Stiamo cercando di dare un’opportunità soprattutto a Matarrese, perché in allenamento da veramente tanto. Valuteremo lui così come Besea e gli altri. Le loro possibilità crescono”.
Alessandro Andrelli

LE PIU' LETTE