Serie A – Frosinone, Rosi: “Non vedo l’ora d’iniziare” | TG24.info Sport
Aggiornato alle: 18:17 di Mercoledi 27 Ottobre 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

TG24.info Sport

Serie A – Frosinone, Rosi: “Non vedo l’ora d’iniziare”

 ULTIME NOTIZIE
Serie A – Frosinone, Rosi: “Non vedo l’ora d’iniziare”
16 Luglio
19:50 2015
Un piccolo inconveniente non ha fermato il calciatore, che si è presentato alla conferenza stampa di presentazione all’Hotel Cesari di Frosinone.

Un lieve tamponamento, dopo l’uscita dalle visite mediche a Villa Stuart, non ha compromesso la presenza del nuovo arrivo gialloazzurro, Aleandro Rosi. Una giornata particolare per il laterale di destra del Frosinone, che all’uscita dalla clinica romana è stato vittima di un lieve incidente stradale, che fortunatamente non ha causato danni al giocatore, che è giunto in Ciociaria con un po di ritardo rispetto all’ora prefissata per la conferenza stampa.

A rivelare questo piccolo retroscena, del ritardo di Rosi è stato il digì del Frosinone, Ernesto Salvini, durante la presentazione del nuovo staff dell’area stampa e comunicazione della società frusinate, che si è svolto prima dell’arrivo di Rosi.

Il giocatore ex Roma, Genoa e Fiorentina, ha iniziato la conferenza stampa, dopo aver ascoltato le parole di elogio da parte del digi Salvini, che non ha nascosto la stima che ha per il calciatore romano, seguito sin dai tempi della Roma.

Aleandro Rosi è nato il 17 maggio 1987 a Roma. Inizia la sua avventura calcistica nella Lazio, all’età di dieci anni, poi a 12 anni si trasferisce alla Roma, dove effettua tutta la trafila del settore giovanile fino alla prima squadra. Può giocare da esterno destro in un centrocampo a cinque o da terzino destro. Ha nella corsa, nel dinamismo e  soprattutto nella resistenza le sue qualità migliori. Nel 2004 entra in pianta stabile nella rosa della Roma, con la quale vince un campionato Primavera e colleziona dal 2004 al 2007, trentasette presenze e due reti.

Viene ceduto in prestito al Chievo in B, dove fatica a trovare spazio, tanto da accettare l’anno successivo il trasferimento (sempre in prestito) al Livorno, con il quale gioca titolare ed ottiene la promozione in A dopo i play-off. Resta in Toscana, sponda Siena anche nel 2009/2010, squadra che acquista la metà del cartellino. Gioca con continuità anche con i bianconeri toscani, ma non riesce al termine della stagione a salvare il sodalizio senese. Torna alla Roma, dove si ritaglia il suo spazio. In due anni colleziona 37 presenze ed una rete.

Nel 2011/2012 festeggia le cento presenze in Serie A, grazie anche al tecnico Luis Enrique che lo utilizza molto spesso anche dal primo minuto. Il 7 agosto 2012 rescinde consensualmente il contratto con la Roma e passa al Parma, dove firma un contratto quinquennale. Dopo 38 presenze e sei gol, passa in prestito al Sassuolo, nella stagione 2014. In neroverde le presenze non sono molte, per questo Rosi decide di lasciare la formazione di patron Squinzi e si trasferisce a Genoa, che a sua volta lo da in prestito alla Fiorentina.

Solo quattro presenze con i gigliati, che al termine della stagione appena trascorsa lo fanno tornare in Liguria, sponda rossoblù. Il 13 luglio di quest’anno è ufficiale il trasferimento in prestito secco al Frosinone. Per Rosi si apre una nuova avventura, speriamo quella che possa rilanciarlo definitivamente. Un calciatore dalle indiscusse qualità che spesso non è riuscito a far emergere. Il rimettersi nuovamente in discussione con una società seria come il Frosinone Calcio, siamo certi spingerà il calciatore a dare il 110% in campo, per il raggiungimento della salvezza.

Davide Mancini  

LE PIU' LETTE