Olimpiadi Tokyo 2020 – Quattro medaglie per l’Italia nella terza giornata | TG24.info Sport
Aggiornato alle: 12:22 di Martedi 28 Settembre 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

TG24.info Sport

Olimpiadi Tokyo 2020 – Quattro medaglie per l’Italia nella terza giornata

 ULTIME NOTIZIE
Olimpiadi Tokyo 2020 – Quattro medaglie per l’Italia nella terza giornata
26 Luglio
18:30 2021
Arrivano quattro medaglie per l’Italia nella terza giornata delle Olimpiadi di Tokyo.

Il nuoto azzurro, dopo le delusioni del giorno precedente, fa esultare nel corso della notte. Arriva un meraviglioso argento nella staffetta 4×100 stile libero con Alessandro Miressi, Thomas Cecco, Manuel Frigo e Lorenzo Zazzeri che raccolgono il miglior risultato olimpico di sempre per una staffetta italiana.

Gioia immensa anche Nicolò Martinenghi, capace di una grande rimonta che è valsa il bronzo nei 100 m rana.

È argento anche lo skeet con Diana Bacosi che non bissa l’oro di Rio ma comunque porta a casa una medaglia meritatissima, centrando 55 piattelli su 60 nella finale.

Diverso il sapore del secondo posto per Damiano Garozzo, battuto nella finale del fioretto maschile da Cheung, schermidore di Hong Kong. Grande delusione per il fiorettista azzurro, rallentato anche da un problema muscolare nel corso dei turni precedenti.

Per quanto riguarda le gare che non assegnano medaglie nella boxe da segnalare la qualificazione ai quarti di Irma Testa, mentre la tennista Camila Giorgia è passata agli ottavi. Avanza al turno successivo anche Federica Pellegrini nei 200 stile libero, nonostante un tempo non molto soddisfacente.

Delusioni cocenti per la Nazionale di softball femminile, campione d’Europa in carica, eliminata ai gironi senza aver vinto neanche una partita: nell’ultimo match netto ko per 8-1 contro il Canada. Male anche il volley maschile, battuto 3-0 dalla Polonia con la beffa dell’infortunio di un elemento fondamentale come il palleggiatore Giannelli.

L’Italia adesso si trova al nono posto nel medagliere con nove podi conquistati fino ad ora.

LE PIU' LETTE