Frosinone – Giannitti a Radio Day: “Parola d’ordine, umiltà” e sul mercato… | TG24.info Sport
Aggiornato alle: 21:57 di Sabato 23 Gennaio 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

TG24.info Sport

Frosinone – Giannitti a Radio Day: “Parola d’ordine, umiltà” e sul mercato…

 ULTIME NOTIZIE
Frosinone – Giannitti a Radio Day: “Parola d’ordine, umiltà” e sul mercato…
02 Settembre
18:53 2016
Nel corso della puntata odierna di “Passione Frosinone”, su Radio Day, emittente esclusiva del Frosinone Calcio per la stagione 2016-2017 è intervenuto il direttore sportivo gialloazzurro, Marco Giannitti. Ecco le sue dichiarazioni.

Mercato?
“In tre anni il Frosinone è cresciuto molto sotto tanti punti di vista, anche per il mercato. Spero prosegue il legame forte tra Presidente, società, squadra e tifosi. Aver rifiutato tante trattative, specie per il Presidente, deve essere un monito per tutti. Dobbiamo essere coesi. Frosinone è diventata una piazza molto ambita da molti giocatori e questo ci consente di lavorare con maggiore serenità, specialmente all’estero”.
Trattativa Ciofani?
“Abbiamo letto tanto, specie i tifosi. La realtà è che non è stato solo Ciofani a ricevere offerte, ma altri reduci dalla serie A. Il presidente ha voluto trattenere tutti. Se questi giocatori sono rimasti è perché c’è una mentalità sportiva invidiata da tutta Italia”.
Scommessa estiva?
“Forse Churko, ma voglio andare oltre queste valutazioni. Da Frosinone ho avuto tutto, sia per il mercato, che per i risultati. Ora però non conta ciò che è stato, dobbiamo ritrovare la giusta mentalità”.
Marino?
“E’ un allenatore trasparente, così come lo era stato Stellone. Mi fa piacere che abbia scelto lui Frosinone, e noi lui per il futuro di questa società”.
Che ambizione per il Frosinone?
“Abbiamo la possibilità di fare bene. Dobbiamo dare soddisfazione ai nostri tifosi. Con la giusta mentalità si può fare tutto. Mi auguro che ad aprile ci ritroviamo nelle zone che contano della classifica per puntare in alto. Tutti quest’anno ci aspettano e per questo sarà molto più dura”.

Alessandro Andrelli

Articoli Correlati

LE PIU' LETTE