Calcio – Coronavirus, ministro Spadafora: “Ripresa il 13 giugno? Non una data certa, ma lavoriamo affinché possa diventarlo” | TG24.info Sport
Aggiornato alle: 22:50 di 24 Gennaio 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

TG24.info Sport

Calcio – Coronavirus, ministro Spadafora: “Ripresa il 13 giugno? Non una data certa, ma lavoriamo affinché possa diventarlo”

 ULTIME NOTIZIE
Calcio – Coronavirus, ministro Spadafora: “Ripresa il 13 giugno? Non una data certa, ma lavoriamo affinché possa diventarlo”
17 Maggio
18:45 2020
Il Ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, ha parlato della possibile ripartenza dei vari sport e del calcio in particolare.

Partendo dalle dichiarazioni del presidente del CONI Giovanni Malagò riguardo una possibile ripresa del campionato di Serie A il 13 giugno prossimo, il ministro ha spiegato ai microfoni di CasaNapoli.net :

La dichiarazione del Presidente Malagò si completava con un’aggiunta, diceva: “Sono sicuro che il campionato riprenderà il 13, ma sono altrettanto sicuro che non si concluderà”. Ecco, noi stiamo lavorando per fare in modo che una volta che il campionato possa ripartire, possa anche concludersi. Abbiamo avuto prudenza dal primo giorno e questa è stata interpretata da qualcuno in malafede, come volontà di non far ripartire il campionato di calcio. Invece c’è la necessità di farlo ripartire, ma farlo ripartire in sicurezza. Oggi quello che sappiamo è che ripartono, o almeno lo speriamo, gli allenamenti. In questo caso, però, dipende dalle squadre, non più dal Governo che ha consentito la riapertura degli allenamenti di tutti gli sport di squadra, non solo del calcio da domani. Dire adesso, un mese prima, che il 13 Giugno è data certa, è impossibile. Bisognerà vedere come ripartirà il paese, come saranno le curve del contagio, bisognerà vedere una serie di indicatori. Il mio auspicio è lo stesso del Presidente Malagò, ovvero che il 13 Giugno sia la data giusta. E faremo tutto il possibile per arrivare a quella data con un’apertura in tutta sicurezza. Per poterlo confermare e darla come notizia certa, bisognerà aspettare ancora qualche giorno“.

 

E.P.

Articoli Correlati

LE PIU' LETTE