Basket – Amarcord Davide Moretti: “Vi racconto quella gara 5 con Ferentino” | TG24.info Sport
Aggiornato alle: 21:45 di Venerdi 16 Aprile 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

TG24.info Sport

Basket – Amarcord Davide Moretti: “Vi racconto quella gara 5 con Ferentino”

 ULTIME NOTIZIE
Basket – Amarcord Davide Moretti: “Vi racconto quella gara 5 con Ferentino”
23 Marzo
13:09 2020
Uno dei momenti più importanti del basket ferentinate e ciociaro.

Una gara dall’esito amaro ma a suo modo storica, quella gara 5 dei quarti di finale dei playoff di A2 del 26 Maggio 2016. La vinse Treviso con una clamorosa rimonta, risalendo dal -14 a 8′ dalla fine e poi cogliendo in overtime una vittoria rocambolesca che chiuse una serie incredibile, nel corso della quale Ferentino buttò via tante occasioni, come la gara 3 persa anch’essa allo scadere. 

Grande protagonista fu Davide Moretti, all’epoca 18enne, che in quella gara trovò la definitiva consacrazione grazie alle triple che spinsero Treviso al supplementare e all’assist decisivo per Powell allo scadere. Dopo un’altra stagione in Veneto, spiccò il volo per gli Stati Uniti, direzione università di Texas Tech, con la quale lo scorso anno si è fermato a un passo dal titolo NCAA, perdendo solamente in finale di fronte a 72mila spettatori. La parabola del figlio d’arte, arrivato a giocare uno degli eventi più importanti del basket mondiale, è stata momentaneamente interrotta dal Coronavirus che ha stoppato tutto lo sport in questa stagione e probabilmente ha impedito a Moretti di giocarsi le sue carte per l’approdo in NBA.

Nel suo futuro un altro anno al college oppure il ritorno in Europa, in Serie A o con una big estera. Di questo il giocatore ha parlato nel corso di “Restiamo a casa con…”, format ideato da BasketUniverso e trasmesso in diretta su Instagram tutte le sere, ogni giorno con uno ospite diverso. Ieri sera è stato il turno di Moretti che è tornato anche su quella gara 5, svelandone i retroscena: “Probabilmente è stata la partita più importante della mia carriera. Il giorno prima era morto mio nonno e avevo qualche motivazione in più, l’ho dimostrato sul campo al di là dei punti e degli assist, quella sera dentro di me c’era qualcosa che mi spingeva“.

 

 

LE PIU' LETTE