Aggiornato alle: 21:16 di Martedi 20 Agosto 2019
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Sora – Valter Tersigni: “maggioranza al capolinea, ha toccato il fondo ed ha iniziato a scavare”

 ULTIME NOTIZIE
Sora – Valter Tersigni: “maggioranza al capolinea, ha toccato il fondo ed ha iniziato a scavare”
15 Agosto
08:32 2019

 

 

 

 

“Quando sindaco e consigliere delegato alle manutenzioni, nonostante già sbugiardati sull’argomento, continuano a vantarsi per meriti non propri, significa che la maggioranza è arrivata a capolinea, ha toccato il fondo ed ha iniziato a scavare. Se poi a parlare non è solo un politico qualunque, privo di conoscenza tecnica e amministrativa, bensì un architetto che è anche professore, ex assessore ai lavori pubblici, ex consigliere di opposizione, nonché attualmente primo cittadino, allora il tutto diventa politicamente patetico”. Duro intervento di Valter Tersigni che dichiara: “Indispensabile ristabilire il rispetto delle regole e dell’agire corretto. Indispensabile cambiare!”. Ecco la nota integrale.

“La classe di governo, non avendo argomentazioni e meriti propri da decantare, si appropria nuovamente di un lavoro dell’amministrazione Tersigni, derivante da un progetto presentato nel 2015 che, approvato e finanziato allora, ha permesso oggi il rifacimento dell’asfalto di via Principe Umberto, via Regina Elena e di via Compre. Oramai la situazione è chiara: il governo Tersigni otteneva finanziamenti, quello De Donatis contrae mutui, cioè debiti per noi cittadini. Infatti, solo grazie a questi debiti sono state asfaltate via Facchini, via San Giuliano e via Incoronata, mentre è ancora mistero sul perché via Pantano sia rimasta opera incompiuta. Allo stesso modo non si comprende in base a quale progetto, approvato e validato, sia stata asfaltata via San Giorgio ed in base a quale contabilità sia stata liquidata.

Trattandosi di denaro pubblico è indispensabile fare chiarezza, visto che dagli atti pubblicati sull’albo online ben poco si riesce a comprendere. Indispensabile un accesso agli atti. Sicuramente troppo impegnato a far lavare con acqua e sapone le strisce pedonali realizzate con l’appalto dell’Astral ed a postare il relativo video su Facebook diventando una barzelletta per l’intera città, il consigliere Caschera non ha tempo da dedicare alla trasparenza, protagonista indiscussa di tutta la campagna elettorale della piattaforma civica. Solo chiacchiere e sempre chiacchiere da più di tre anni ad oggi, la città si mostra agli occhi di tutti rasa completamente al suolo, con buchi neri inspiegabili come i 45.000 euro di “lampadine fantasma” e di lavori sulla pubblica illuminazione che danno vita a non poche perplessità. Per non parlare del cimitero comunale e del degrado che regna sovrano ovunque in città, anche in pieno centro.

Indispensabile ristabilire il rispetto delle regole e dell’agire corretto. Indispensabile cambiare!”. (Fonte: comunicato stampa)

Articoli Correlati

LE PIU' LETTE