Aggiornato alle: 20:15 di Martedi 14 Luglio 2020
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Sora – Lavori a Compre e Regina Elena, Valter Tersigni: il grande bluff di De Donatis

 ULTIME NOTIZIE
Sora – Lavori a Compre e Regina Elena, Valter Tersigni: il grande bluff di De Donatis
25 Luglio
13:30 2019

 

 

 

“Se è vero che niente di concreto sono riusciti a concludere in tre anni, bisogna riconoscere a De Donatis e Caschera la maestria nel vantarsi del nulla e nell’attribuirsi meriti non propri, il tutto mentre le colpe sono sempre degli altri. È la stessa vecchia storia, vista e rivista milioni di volte da giugno 2016 ad oggi, pura dimostrazione di un comportamento puerile e privo di capacità politica. Questa volta, però, dopo gli articoli pubblicati sulla carta stampata in merito ai lavori di asfaltatura di via Regina Elena e via Compre, ritengo doveroso intervenire per chiarezza”. Valter Tersigni non resta in silenzio di fronte a quello che ritiene essere “il più grande bluff della politica sorana in una città letteralmente in ginocchio”. Ecco il resto della nota.

“Tra le dichiarazioni rilasciate e gli auto applausi più o meno velati, il sindaco e il consigliere Caschera hanno dimenticato di dire ai sorani che il rifacimento di queste due strade è opera della maggioranza Tersigni e che il grande risultato di oggi è dovuto solo alla richiesta e all’apposito progetto che è stato approvato e finanziato nel 2015. Più che amministrazione “del fare”, come la definisce contro ogni evidenza De Donatis, potremmo definirla amministrazione “del chiacchierare”, ma le chiacchiere restano a zero.

È bene chiarire ai cittadini che i lavori fino ad oggi eseguiti grazie a finanziamenti pubblici sono frutto della programmazione e dell’impegno dell’amministrazione Tersigni. Le cifre esorbitanti tanto decantate e urlate dall’attuale maggioranza restano un miraggio e i pochissimi lavori fatti da De Donatis sono stati realizzati con soldi di bilancio o attraverso mutui. È bene anche sottolineare che, nonostante i debiti da pagare, sono tanti gli interventi neanche iniziati e molti quelli non ancora finiti. Da tre anni si attende il famoso campo da minigolf che costa 500mila euro di debiti. Allo stesso modo giace nella nebbia l’asfalto di via Pantano che, pur facendo parte dell’intervento di via Facchini, via Incoronata e via San Giuliano, tutte già asfaltate, è rimasta abbandonata a se stessa. E pensare che il 21 marzo scorso, ben 4 mesi fa, proprio Caschera annunciava in un post “work in progress” su Facebook l’inizio lavori per il 25 marzo.

Che problemi ci sono? Perché l’appalto non viene portato a termine? Le “sole idee sostenibili” e “dalle parole ai fatti” di De Donatis e Caschera si rilevano il più grande bluff della politica sorana. La città è letteralmente in ginocchio. L’unica gioia sta nel sapere che il serio lavoro fatto in passato dà ancora i suoi frutti e finalmente Via Regina Elena e Compre torneranno a risplendere”. (Fonte: comunicato stampa)

Parole Chiave - Tags
SOCIAL
LE PIU' LETTE