Aggiornato alle: 10:30 di Mercoledi 16 Gennaio 2019
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Sora – Incidente mortale sulla superstrada, la vittima è Marco Cerrone

 ULTIME NOTIZIE
Sora – Incidente mortale sulla superstrada, la vittima è Marco Cerrone
22 Ottobre
22:35 2016

 

 

 

 

 

 

Incidente mortale sulla superstrada Sora-Avezzano, all’altezza di Sora Nord, direzione Avezzano. Strada bloccata. A perdere la vita è stato il 33enne Marco Cerrone di Carnello di Arpino. L’uomo viaggiava su una BMW. Sul posto l’elisoccorso e tre ambulanze. Altri due feriti gravi, due egiziani a bordo del Ducato, sono stati elitrasportati a Roma in gravi condizioni. Forze dell’ordine a lavoro per la ricostruzione dei fatti. Superstrada chiusa per oltre tre ore.

imageUn incidente mortale si è verificato nella serata di oggi (sabato 22 ottobre) sulla superstrada Sora-Avezzano, a poca distanza dall’uscita di Sora-Nord. Lo scontro ha coinvolto tre vetture, una Fiat 500, una BMW e un Ducato. In base ad alcune testimonianze un uomo sarebbe stato estratto dalla Fiat 500 grazie all’ausilio dei Carabinieri. La vittima, invece, che viaggiava su una BMW è il 33enne Marco Cerrone residente a Carnello di Arpino. Sul posto tre ambulanze, Vigili del Fuoco, Polizia e Carabinieri. sora_nord_mortale_02Sembra, inoltre, che una delle vetture stesse prendendo fuoco e fosse in bilico sul guard rail di una delle due carreggiate. Due feriti di origine egiziana sono stati eli-trasportati in gravi condizioni a Roma. Nella terza macchina, una Fiat 500, una donna con a bordo i suoi figli, fortunatamente tutti illesi ma in forte stato di shock.
sora_nord_mortale_03Chiuso il traffico sul tratto di superstrada per i rilievi e per ripristinare la carreggiata per oltre tre ore.
Un’altra vittima della strada. Una tragedia del sabato sera sulle cui cause si esprimeranno le autorità competenti. Un altro giovane, purtroppo, è stato violentemente strappato alla vita terrena. Il profilo facebook di Marco Cerrone in pochi minuti si è riempito di messaggi di cordoglio, incredulità e disperazione.
Alessandro Andrelli

 

 

 

Articoli Correlati

LE PIU' LETTE