Aggiornato alle: 19:45 di Giovedi 25 Aprile 2019
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Sora – Il Museo intitolato a Khaled al Asaad, archeologo ucciso dall’Isis

 ULTIME NOTIZIE
Sora – Il Museo intitolato a Khaled al Asaad, archeologo ucciso dall’Isis
16 Settembre
10:24 2015

 

 

 

 

 

 

Un’iniziativa lodevole, un segnale di attenzione. Il Comune di Sora e l’Assessorato alla Cultura, in accordo con la direttrice del Museo Civico della Media Valle del Liri, Manuela Cerqua, hanno deciso di intitolare dal 18 al 20 settembre la struttura all’archeologo ucciso barbaramente dai terroristi dell’Isis il 18 agosto scorso.

Khaled Al Asaad, brillante archeologo, dopo l’istruzione di base e superiore ottenuta frequentando le scuole nella sua città natale, proseguì gli studi presso l’Università di Damasco dove si laureò. Nel 1963 fu nominato direttore del museo e del sito archeologico della città di Palmira, carica che mantenne per più di quarant’anni, sino al momento della pensione. È stato indicato come «uno dei più importanti pionieri nel campo dell’archeologia in Siria del ventesimo secolo». Asaad lavorò sin dal 1960 con colleghi statunitensi, francesi, tedeschi e svizzeri nell’indagine sulle prime civiltà a Palmira. Grazie ai risultati di questo lavoro, l’UNESCO nel 1980 riconobbe Palmira come Patrimonio dell’umanità.

A metà luglio del 2015 è stato rapito dai militanti dello Stato Islamico e ripetutamente torturato. Il quotidiano britannico The Guardian ha riferito che Asaad avrebbe rifiutato di fornire informazioni su dove fossero nascoste antiche opere d’arte. Il 18 agosto 2015 Asaad è stato ucciso sulla piazza di fronte al Museo della città nuova di Palmira, Tadmor, e in seguito il suo corpo decapitato è stato esposto al pubblico.

Roberta Pugliesi

Articoli Correlati

LE PIU' LETTE