Sora – Il laboratorio di Antonio Notari “poeta del segno e del colore” (FOTO/VIDEO) | TG24.info
Aggiornato alle: 14:10 di Venerdi 25 Giugno 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Sora – Il laboratorio di Antonio Notari “poeta del segno e del colore” (FOTO/VIDEO)

 ULTIME NOTIZIE
11 Marzo
19:27 2021

 

 

Varcata la porta del laboratorio del Maestro Notari ci si ritrova all’improvviso immersi nell’arte. Utilizzando le parole di Rodolfo Damiani si incontrano “paesaggi onirici, ninfe trasognate, nature rigogliose e figure languide che ci catturano e ci narrano storie meravigliose di cui come d’incanto ci sentiamo parte”. Si resta affascinati dai colori delle tele, quelli che il maestro racconta di sentire dentro, di avvertire, che riflettono i suoi stati d’animo.

Coinvolgenti i suoi racconti sulla creazione delle sculture, un lavoro lungo, meticoloso, curato nel minimo dettaglio. Così ci mostra le foto e ci parla dei particolari delle porte in bronzo della cattedrale Santa Maria Assunta di Sora o la bozza delle lampade votive, ora esposte accanto all’altare della Madonna di Loreto. Dalle sue parole traspare una passione infinita e una sensibilità fuori dal comune.

Altrettanto interessante la visita nella stanza delle incisioni. Adagiate su alcuni ripiani si notano subito delle lastre di zinco e rame all’apparenza vuote, cambiando prospettiva rivelano migliaia di segni che formano volti meravigliosi, maschere, protagonisti della mitologia e della letteratura. Insieme al maestro sfogliamo insieme la cartella con le incisioni terminate. Stupende. Le commenta, le racconta, attraverso le sue parole agli occhi appaiono ancora più belle.

Il maestro napoletano, arrivato a Sora per caso per poi farla diventare la sua casa, ci ha accolto con calore e garbo mostrandoci la sua arte, le sue “illuminazioni” e le sue tecniche innovative. Il grade critico d’arte Angelo Calabrese sulla sua scheda pubblicata sulla rivista telematica “Arte e Società” lo ha definito “Poeta del segno e del colore”.

Ad ereditare la sua passione per l’arte la figlia Francesca Notari, diplomata in restauro, in arti lapidee policrome e legno. Si è occupata di vari interventi sul territorio, ad esempio, restauro pittorico nella chiesa pastorale di Posta Fibreno, restauro di ceramica Mario Giustiniani o anche delle tele raffiguranti la Via Crucis nel monastero di Alatri.

I dettagli nel servizio video di Paolo Peticca

PER SAPERNE DI PIU’ SUL MAESTRO ANTONIO NOTARI:

Nasce a Napoli nel 1940. Inizia la sua formazione in ambiente artistico e culturale napoletano. Ancora studente dell’istituto d’Arte, dov’è allievo di Carlo Striccoli, frequenta la studio del Maestro Guido Casciaro, qui apprende e sperimenta tecniche tradizionali ed antiche. In seguito, allievo della locale Accademia di Belle Arti, si avvale degli insegnamenti di vari Maestri, tra i quali Alberto Ziveri, e della frequentazione di altri (Capogrossi). Giovanissimo, inizia l’attività espositiva che prosegue partecipando a numerosi concorsi e rassegne d’arte in Italia ed all’estero (Francia, Olanda, Nigeria, Stati Uniti, Giappone) conseguendo premi e riconoscimenti. Dal sito www.antonionotari.it.

GALLERIA FOTOGRAFICA:

 

 

Parole Chiave - Tags
IN EVIDENZA

.

SOCIAL
TOP NEWS