Aggiornato alle: 04:00 di Sabato 29 Febbraio 2020
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Sora – Festa di Sant’Antonio Abate, patrono degli animali

 ULTIME NOTIZIE
Sora – Festa di Sant’Antonio Abate, patrono degli animali
17 Gennaio
19:15 2020

 

 

 

Oggi, 17 gennaio, ricorre la festa di Sant’Antonio Abate patrono degli animali.

In questo giorno, come da tradizione, sono stati portati gli animali a benedire sul sagrato della chiesa di “Sant’Antone”.

Nell’occasione si ricevevano i pani benedetti e i santini da appendere nelle stalle a protezione degli animali.  Quella di Sant’Antonio era ed è una festa molto sentita. In tanti, soprattutto i più piccoli, hanno voluto partecipare alla benedizione odierna.

Come riportato sul sito https://www.greenme.it/, “secondo la tradizione e sulla base di antiche leggende, durante la notte di Sant’Antonio Abate agli animali è data la facoltà di parlare.

Sant’Antonio Abate, egiziano di nascita e morto nel deserto della Tebaide il 17 gennaio del 357, è considerato un Santo protettore degli animali domestici che di solito viene raffigurato con accanto un maialino che reca al collo una campanella. Questa particolare festa, oltre a ricordare gli animali e la vita del Santo, scandisce anche il tempo tra le semine e i raccolti in agricoltura.
A volte i festeggiamenti comprendono una benedizione degli animali in occasione delle celebrazioni in onore del Santo. La benedizione degli animali, in particolare dei maiali, come da iconografia del Santo, ha origine medievale.

In alcune zone d’Italia la sera del 17 gennaio si accendono dei falò che simboleggiano la volontà di abbandonare tutto ciò che appartiene ai mesi passati e di rinnovarsi a partire dal primo mese del nuovo anno.

I fuochi purificatori possono essere accompagnati da processioni e celebrazioni, soprattutto nelle località d’Italia particolarmente legate alla figura di Sant’Antonio Abate la cui festa, ad esempio, è molto popolare in Abruzzo, dove si svolgono processioni in costumi ottocenteschi.

Sant’Antonio Abate in Sardegna è chiamato e venerato come ‘Sant’Antoni de su fogu’, cioè Sant’Antonio del fuoco. Si narra infatti che fu lui a rubare dall’inferno il fuoco e a portarlo sulla terra per donarlo agli uomini. In Sardegna, nelle località che festeggiano il Santo, si accendono dei falò e si prepara un dolce tipico, il pan’e saba. In Toscana, a Grosseto, anche quest’anno si festeggia Sant’Antonio Abate in tante realtà parrocchiali.

I falò rievocano il miracolo che Sant’Antonio avrebbe compiuto secoli fa mettendo in fuga gli invasori stranieri e trasformando le querce in grandi torce.

Secondo la leggenda, la notte del 17 gennaio gli animali avranno facoltà di parola. Se solo fosse vero, chissà quali frasi ci rivolgerebbero e cosa ci racconterebbero delle loro vite. In passato, durante la notte degli animali parlanti, i contadini si tenevano lontani dalle stalle, perché udire gli animali conversare era segno di cattivo auspicio”.

Parole Chiave - Tags
SOCIAL
LE PIU' LETTE