Sora – Carnello, domani scuola chiusa per sciopero | TG24.info
Aggiornato alle: 15:32 di Venerdi 25 Giugno 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Sora – Carnello, domani scuola chiusa per sciopero

 ULTIME NOTIZIE
Sora – Carnello, domani scuola chiusa per sciopero
09 Novembre
13:10 2017

 

 

Nella mattinata di domani, venerdì 10 novembre, è stato indetto uno sciopero proclamato da alcuni sindacati che coinvolgerà la scuola, la sanità, il pubblico impiego, il lavoro privato ed i trasporti.
Nello specifico, l’astensione nelle scuole vuole reclamare l’ esiguo aumento di 50euro elargito dopo 10 anni di blocco contrattuale: pertanto le lezioni saranno a rischio e, come generalmente succede, gli utenti vengono avvisati che, per l’ occasione, “non verrà garantito il regolare svolgimento delle attività didattiche ed il servizio scolastico potrebbe subire una riorganizzazione”.
Il plesso “Giovannone-Tuzi” di Carnello invece, che ospita la scuola elementare e media, resterà chiuso.

Una chiusura straordinaria decretata dalla stessa Dirigente Scolastica dell’ Istituto Comprensivo 2° “Riccardo Gulia”, prof.ssa Ersilia Montesano, così come si legge nella comunicazione ufficiale rivolta alle famiglie, al personale e pubblicata sul sito web «La Dirigente Scolastica emana le seguenti disposizioni… Il servizio scolastico sarà sospeso nel plesso di Carnello scuola primaria e media».

Il diritto di sciopero è sovrano e viene riconosciuto dalla Costituzione Italiana, la quale precisa che deve essere esercitato nell’ ambito delle leggi che lo regolano. La chiusura di una struttura scolastica rappresenta un interruzione di pubblico servizio, con tutti i disagi che ne conseguono per gli utenti. Inoltre è giusto chiarire che il comparto della scuola rientra nel novero dei servizi pubblici essenziali. Com’è vero che il servizio essenziale da garantire, in questo caso, è il diritto allo studio ed all’ istruzione, come previsto dalla Costituzione, e non la vigilanza sui minori che si trovano a scuola durante uno sciopero del personale. Quanto scritto è ciò che detta l’ accordo nazionale attuativo della legge nr. 146 del 1990, la stessa che cita la Dirigente Scolastica nella sua comunicazione di “sospensione del servizio scolastico”.
La Corte di Cassazione si è già espressa in tal senso, secondo cui il reato in questione può essere commesso dal lavoratore che individualmente interrompa o comunque turbi il pubblico servizio espletato, in quanto la depenalizzazione recitata dalla legge n. 146/90 regolamenta solamente le forme collettive di astensione dal lavoro.

Sicuramente la Dirigente Scolastica avrà scrupolosamente vagliato tutte le ipotesi e le alternative alla sospensione del servizio scolastico a Carnello anche se, trattandosi di un piccolo plesso, potrebbe sembrare inverosimile che non ci sia personale sufficiente a poter coprire la mancanza presso la sede in questione, tanto da doverne stabilire la chiusura straordinaria.
Come certamente anche il Sindaco del Comune di Sora, arch. Roberto De Donatis, sarà stato messo al corrente dell’ eccezionale provvedimento stabilito, adottato e già comunicato.

Ci sono diversi casi analoghi per cui gli amministratori dei rispettivi territori interessati hanno ritenuto opportuno intraprendere le opportune azioni a tutela della collettività. Uno fra tutti, l’ episodio che ha interessato la scuola primaria di Castiglione Chiavarese: la bidella fa sciopero, legittimamente, e la Preside ha scartato la possibilità di trasferire, per un solo giorno, del personale prelevato dagli altri plessi, decretando la chiusura della scuola per cui il Sindaco ha inoltrato una denuncia/querela per interruzione di pubblico servizio.

Si intende precisare che quanto descritto non vuole assolutamente entrare in contrasto oppure offendere il sacrosanto diritto allo sciopero.

Sara Pacitto

 

 

Parole Chiave - Tags
IN EVIDENZA

.

SOCIAL
TOP NEWS