Aggiornato alle: 12:43 di Venerdi 14 Agosto 2020
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

TG24.info Rubriche

SCUOLA – Al via l’anno scolastico, con più del 20% dei docenti precari ancora da nominare!

 ULTIME RUBRICHE
SCUOLA – Al via l’anno scolastico, con più del 20% dei docenti precari ancora da nominare!
02 Settembre
12:15 2019
 Oggi si riparte con 8 mila Collegi dei docenti a ranghi ridotti: più del 20% dei docenti sono precari ancora da nominare. Negli istituti scolastici la percentuale di supplenti è più che doppia rispetto a quella delle altre amministrazioni pubbliche: così l’anno scolastico riprende senza un insegnante su cinque, con inevitabili ripercussioni sul servizio formativo.

L’inefficienza dei decisori politici e del Miur ora si scaricherà sul servizio. E sui dirigenti scolastici, che in molti casi a breve saranno chiamati prima a coprire le cattedre vacanti rimaste libere con personale temporaneo senza esperienza e nemmeno in graduatoria, mentre chi ha vinto un concorso o è stato formato e pure abilitato rischia di rimanere a casa. Siamo all’assurdo. Vanno individuati poi quasi 20 mila Ata su posti liberi e oltre 2 mila Direttori dei servizi generali e amministrativi, il cui concorso si sta ancora svolgendo. Il problema è che non basta fare i concorsi, se poi si gestiscono male le graduatorie, a iniziare da quelle dei precari storici.

Marcello Pacifico (Anief): “È sempre più lampante che un sistema di reclutamento di questo genere è stato fallimentare, è servito solo a fare risparmiare un po’ di soldi pubblici ed è la causa principale del boom di supplenze: bisognava invece riaprire le GaE, utilizzare le graduatorie d’istituto e quelle di merito anche su scala nazionale. Non è stato fatto e ora la scuola e gli studenti pagano pegno”.

Si riparte. Oggi circa 840 mila insegnanti, sparsi per oltre 8 mila istituti autonomi, sono attesi a scuola per il canonico Collegio dei docenti. Ma l’anno scolastico non partirà per tutti, perché mancano all’appello 20 mila Ata, 2 mila Dsga e quasi 200 mila insegnanti. Per i docenti è un numero stratosferico: più del 20 per cento di tutta la categoria, oltre il doppio della già alta media nazionale di precari nell’amministrazione pubblica. Sono tutti precari ancora in attesa di nomina. Molti non arriveranno nemmeno per l’inizio delle lezioni. Costringendo i dirigenti scolastici a nominare dei supplenti temporanei, in attesa della nomina annuale. E questa, in un numero sempre maggiore di casi, si assegnerà a supplenti alle prime armi, senza formazione sull’insegnamento, i cosiddetti Mad.

Il commento del presidente Anief

“Per diverse settimane i presidi, compresi quelli neo assunti, dovranno sobbarcarsi un onere di lavoro non indifferente – dice Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief – perché saranno impegnati alla disperata ricerca dei candidati a coprire tante cattedre vuote: solo che dovranno farlo, in molti casi, con precari che non risultano presenti nemmeno in graduatoria ma hanno presentato una semplice domanda al preside e questi lo nominerà. Non prima, però, di averne ‘comparato’ le caratteristiche, ha fatto sapere genericamente il Miur”.

Il sistema sta esplodendo

“A parte il fatto che ci ritroveremo con metodi di comparazione difformi – continua Pacifico – hanno idea al ministero dell’Istruzione del carico di lavoro che già devono sostenere le segreterie scolastiche? Perché affidargli anche questo compito ingrato? Senza contare che la ricaduta sulla didattica di queste scelte non potrà di certo essere entusiasmante, visto che si tratta di docenti alle prime armi. Mentre gli insegnanti formati e abilitati potrebbero paradossalmente non essere nominati, perché si trovano in graduatorie affollate di precari. Il sistema sta esplodendo, è ora di cambiare: speriamo – conclude il sindacalista – che il nuovo governo ci ascolti e cambi finalmente registro rispetto a quelli che l’hanno preceduto”.

(fonte: Comunicato Stampa)

 

Tags
LE PIU' LETTE
Alessandro Andrelli 11 ore ago
Saranno messi in atto numerosi posti di controllo sulla viabilità ordinaria, in autostrada, nelle stazioni ferroviarie e nei luoghi della movida. Dalla mattinata di ieri e per tutto il ponte di…
Alessandro Andrelli 2 ore ago
"Trovo assurdo che c'è chi si diverte ballando in discoteca, negando l'esistenza del COVID e senza nessuna misura di prevenzione, mentre i nostri operatori sanitari trascorrono il ferragosto a fare ta…
Irene Mizzoni 14 ore ago
Ecco le notizie più lette della giornata di ieri. Coronavirus, positivo membro dello staff del Frosinone Calcio (clicca qui). Regista ciociaro arrestato per stupro (clicca qui). Coronavir…
Alessandro Andrelli 5 ore ago
Un caso nella Asl di Frosinone e si tratta di una donna di rientro da un viaggio a Malta. Così in una nota stampa l'assessore alla Sanità, D'Amato. La donna, una giovane del Cassinate, sarebbe…
Alessandro Andrelli 18 ore ago
01Edicola…
Alessandro Andrelli 11 ore ago
La serata di ieri ha inaugurato il "Mezzagosto Arpinate", tre giorni dedicati ai festeggiamenti di Maria SS Assunta e San Rocco. Mentre in piazza Municipio si teneva un suggestivo omaggio al maestro E…
Alessandro Andrelli 5 ore ago
Oggi registriamo 58 casi e zero decessi. Di questi oltre la metà dei casi sono di importazione o di riguardano giovani di rientro dalle vacanze: sette i casi di rientro da Malta, sette da Romania, qua…
Anna Ammanniti 1 giorno ago
Incuranti delle foto trappole, del sequestro dell’area, dei controlli, dell’essere civili, gli zozzoni hanno sfidato le forze dell’ordine e la buona educazione gettando rifiuti al di là del nastro di…
Irene Mizzoni 1 giorno ago
Un messaggio speciale, sentito è arrivato poco fa in redazione da parte dei dipendenti della A.M. Engineering & Industrial Research Srl, l'azienda fondata dall'ingegnere Antonio Accettola, scompar…
Alessandro Andrelli 7 ore ago
Il fenomeno si ripete sempre più a macchi d'olio. Riportiamo anche il caso di Viterbo. L'Unità di Crisi Regione Lazio ha comunicato: "La Asl di Viterbo comunica la positività di 8 giovani di ri…