Aggiornato alle: 10:31 di 9 Agosto 2020
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

TG24.info Rubriche

Diritto – “Fifa gate”: tutto il mondo è paese

 ULTIME RUBRICHE
Diritto – “Fifa gate”: tutto il mondo è paese
09 Giugno
08:14 2015

 

Caro Lettore,

negli ultimi giorni il mondo del calcio (e non solo) è stato letteralmente sconvolto da quello che ben presto è stato ribattezzato come il “Fifa gate“, ossia da una operazione – condotta dal F.B.I. – che ha portato all’arresto di diversi alti funzionari della F.I.F.A. (Fédération Internationale de Football Association, l’Organo che governa il calcio a livello mondiale) ed alle dimissioni dello storico Presidente, Joseph Blatter.

Stando all’ipotesi accusatoria, fondata su elementi di prova piuttosto inequivoci, si sarebbero verificate dazioni di tangenti ad alcuni membri del Comitato Esecutivo dell’ente o ad alti funzionari e dirigenti per consentire la celebrazione dei Campionati del Mondo di calcio in Sudafrica (effettivamente ivi svoltisi nell’anno 2010) o per condizionare la partecipazione ad eventi di tal genere di questa o quella nazionale: stando sempre a quanto fatto trapelare dalle Autorità inquirenti, l’indagine sarebbe solo all’inizio, essendo emerse anomalie anche con riguardo all’assegnazione di diverse altre manifestazioni facenti capo alla F.I.F.A., così evidenziando un sistema di corruttela diffuso all’interno dell’Organismo.

Ebbene, la prima riflessione che sorge spontanea attiene alla circostanza per cui – dunque – la corruzione non sembrerebbe essere un cancro che affligge solo il Bel Paese, risultando invece presente anche all’estero ed in larga misura: ergo, “tutto il mondo è paese”.

Fatta tale premessa, l’interprete che voglia compiere uno sforzo “esegetico” ulteriore dovrebbe andare alla ricerca delle ragioni che stanno alla base della creazione e dello sviluppo di un sistema di corruttela tanto ramificato: in questo senso, l’esperienza italiana ci pone in posizione di assoluto vantaggio rispetto ad altri Paesi che – per loro fortuna – si sono trovati costretti a studiare il fenomeno solo in epoche recenti.

Una soluzione semplicistica all’oggetto di una tale “ricerca” potrebbe attenere alla forza attrattiva propria del “Dio denaro“, dinnanzi al quale anche le coscienze più limpide tendono storicamente a vacillare: in realtà, l’aspetto economico è – a parere di chi scrive – soltanto una conseguenza del problema, ma non ne rappresenta la causa.

In questo senso, l’esperienza italiana insegna che sono almeno due le circostanze che consentono ad un qualsiasi sistema di corruttela di germogliare e stabilirsi in un’area geografica o in un organismo giuridico: da un lato, l’eccessiva burocrazia; dall’altro lato, l’attribuzione di poteri esorbitanti in capo ad un solo o a pochi soggetti, ovvero la previsione di regole in base alle quali un soggetto riesca a ricoprire un determinato ruolo per anni ed anni.

Quanto all’eccessiva burocrazia, rappresenta un dato di fatto quello per cui la previsione di un sistema di regole e di “passaggi di grado” troppo esasperato, anche se introdotto proprio al pregevole fine di contrastare fenomeni illeciti, finisce invece per agevolarne la consumazione: la presenza di meccanismi farraginosi da “oliare” è terreno fertile tanto per chi intenda scavalcare taluni passaggi teoricamente essenziali (il corruttore), quanto per colui il quale sia disposto a favorire un tale “sveltimento” procedurale a fronte di un vantaggio personale (il corrotto).

Alla stessa stregua, l’accentramento di poteri in capo ad un solo o a pochissimi soggetti (alti funzionari o dirigenti), nonché la previsione di sistemi in base ai quali si consenta ad un soggetto di restare radicato per anni ed anni nell’esercizio perenne della stessa funzione, non può far altro che favorire ancor di più lo sviluppo di un sistema di corruttela: un grande e controverso statista italiano era solito affermare una grande verità, vale a dire che “il potere logora chi non ce l’ha“.

La somma delle due “cause” appena riportate sembra attagliarsi alla perfezione al “Fifa gate“, ma anche a tutti i più importanti casi di cronaca giudiziaria esplosi nel nostro Paese.

Da una parte, infatti, la sofisticata procedura di assegnazione di manifestazioni tanto importanti (il cui immediato risvolto è lo spostamento di cifre iperboliche in favore del Paese assegnatario, al fine di aiutarlo nella costruzione degli stadi e delle strutture di accoglienza necessarie) non ha fatto altro che agevolare lo sviluppo di un sistema corruttivo.

Luigi-Annunziata_2In questo senso, non v’è chi non veda come sarebbe stato sufficiente modificare tali regole: anziché prevedere una procedura di affidamento diretto, basterebbe lasciare al Comitato Esecutivo solo il compito di selezionare almeno tre profili meritevoli, lasciando poi al caso (ad esempio mediante lo sviluppo di un sistema di pubblico sorteggio) la “scelta” dell’assegnazione della manifestazione (e dei conseguenti ingentissimi fondi) a questo o a quel Paese candidato.

La banalità (e la linearità) di una tale soluzione è talmente evidente da far pensare che la sua mancata adozione sia frutto di una scelta consapevole: è palese, infatti, che in tal modo risulterebbe pressoché annientata qualsiasi tentazione di compiere manovre illecite, non potendosi incidere significativamente sull’assegnazione finale.

Dall’altra parte, risulta quantomeno assurdo consentire ad uno stesso soggetto di ricoprire per diciotto anni funzioni apicali di un Organismo avente rilevanza mondiale, essendo oramai previsto in qualsivoglia statuto un limite alla ricandidabilità e/o alla rieleggibilità: il radicamento in ruoli particolarmente delicati fa sì che – in capo al soggetto “radicato” – si sviluppi la malsana idea per cui vi sia una commistione tra la funzione e la persona che la esercita, che dunque si considererà (e, quel che è peggio, sarà considerata) plenipotenziaria dell’ente in questione, di cui disporrà anche perseguendo i propri personali interessi.

Tali considerazioni, figlie dell’esperienza maturata nello studio delle questioni connesse e nel quotidiano confronto con situazioni di tal genere dentro e fuori le aule di Giustizia, si attagliano perfettamente anche alle diverse vicende deflagrate di recente nel nostro Paese e, più nello specifico, nella nostra area geografica: a tal riguardo, preme considerare come – a parere di chi scrive – l’unica soluzione per contrastare efficacemente lo sviluppo di sistemi corruttivi non attiene all’inasprimento delle pene o alla dilatazione dei termini prescrizionali, ma al profondo snellimento della burocrazia ed alla previsione di regole ferree non solo sulla assegnazioni di commesse ad evidenza pubblica, ma anche sui criteri di rapida rotazione nella copertura di determinati ruoli pubblici.

Avv. Luigi Annunziata    

Foro di Roma

 

LE PIU' LETTE
Francesca Merolle 2 ore ago
Anche nel fine settimana appena trascorso le donne e gli uomini della Polizia di Stato sono stati impegnati nei servizi finalizzati al controllo del rispetto delle prescrizioni per il contenimento del…
Caterina Paglia 6 minuti ago
E' riesploso oggi pomeriggio l'incendio doloso che domenica 2 agosto ha raso al suolo la zona di confine dei due Comuni, tra Tiravento e Valle Romana. Per giorni interi tutte le forze si sono m…
Francesca Merolle 2 ore ago
Oggi registriamo 38 casi e un decesso. Di questi 13 provengono dal Cas Mondo Migliore di Rocca di Papa (Asl Roma 6) e 9 casi sono casi di importazione: due i casi di rientro da Ibiza, due casi da Malt…
Caterina Paglia 3 ore ago
Riparte il turismo nella Valle di Canneto, ma con tre dispersi provenienti da Frosinone. Non è stato proprio l'inizio ideale, ma va detto che per andare in montagna non si deve improvvisare, bisogna i…
Ettore Cesaritti 7 minuti ago
Nella tarda serata di domenica 9, con prosecuzione fino all’alba di lunedì, Vigili del Fuoco e Protezione Civile (RSA ed ANC) assieme ai carabinieri, sono stati impegnati in zona Monti. Le fiam…
Francesca Merolle 3 ore ago
Gli agenti del Commissariato di Sora e della Squadra Mobile della Questura di Frosinone hanno tratto in arresto un venticinquenne per tentata estorsione. L’uomo è stato sorpreso dagli investiga…
Francesca Merolle 57 minuti ago
Il 14 agosto ricorre il primo anniversario dalla tragica scomparsa di Stalla Tatangelo. La mamma Irene, il papà Gabriele, il fratello Carlo, i parenti e tutti gli amici si ritroveranno a pregare per l…
Caterina Paglia 2 ore ago
Prenotare controlli e prestazioni sanitarie diventa un'odissea per un'anziana signora, sono i veri "postumi" del Covid-19. E' triste ammetterlo, ma dopo la grave emergenza del Coronavirus per i…
Francesca Merolle 2 ore ago
Gli auguri di ferragosto del CAI di Sora arrivano corredati delle splendide immagine degli escursionisti e biker sorani. Questa volta gli appassionati della montagna hanno raggiunto Pizzo Cefal…
Francesca Merolle 2 ore ago
Lo comunica Astral Infomobilità su Twitter. L'incidente si è verificato intorno alle 15.30 sulla SS148 Pontina altezza di Spinaceto, km 15+600, in direzione Roma. In base a quanto riportato nel…