Aggiornato alle: 21:32 di Mercoledi 22 Maggio 2019
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Roma – Vigile del Fuoco muore durante l’allenamento per le prove soccorso, la lettera a Salvini

 ULTIME NOTIZIE
Roma – Vigile del Fuoco muore durante l’allenamento per le prove soccorso, la lettera a Salvini
12 Febbraio
18:00 2019
Il Coordinamento Lavoratori Precari Over Storici VF “Donna e Fuoco” scrive una lettera aperta al Presidente del Consiglio e Ministro del Ministero dell’interno Matteo Salvini.

“Ministro Matteo Salvini, le scriviamo per informarla di quanto è accaduto tristemente, mercoledì 6 febbraio 2019, è venuto a mancare purtroppo un amico, un Collega, un Vigile del Fuoco lavoratore precario Over Storico di 51anni. Gianluca Giudici, questa volta non per un intervento di Soccorso VF, ma è deceduto a causa di una ingiusta, ma soprattutto ambigua stabilizzazione, con prove fisiche difficili che dichiarano se sei idoneo o no! Prove fisiche, decise e volute, con il pieno appoggio e consenso, dell’intera Confederazione Sindacale (che non difendono più i diritti dei lavoratori precari Vf) e da questa dubbia, Amministrazione VF, servita e riverita, da un personale precario che spesso pur di lavorare, reso ricattabile, sotto tutti i punti di vista dalla stessa. Lei Ministro dell’ Interno, in sostanza, a sua insaputa spero e immagino, sta rappresentando un qualcosa di anticostituzionale, poiché, sotto il profilo legislativo,  è dissonante fare  una  stabilizzazione di lavoratori precari over storici con le prove, con tempi e parametri a livello agonistico olimpionico! Il nostro disappunto è questo, se  si fa una stabilizzazione di lavoratori precari storici si tratta di assumere e reinternalizzare i servizi Vf che già si svolgono da anni attraverso i cosiddetti “richiami” , se deve essere  un concorso di giovani prestanti, con adeguati  limiti di età,  va bene quindi per la scelta dei migliori, per l’ attività di soccorso! Ma essendo una stabilizzazione con prove suddette sono incongruenti e in antitesi. Vogliamo ricordarle in tal proposito, che una stabilizzazione, (stabilizzazione[sta-bi-liz-za-zió-ne] s.f. • Azione, provvedimento rivolti a rendere qualcosa stabile, costante, equilibrato: della situazione economica, di un impiego), deve assolutamente, prevedere l’assunzione di tutto il personale precario, specie quando si tratta di lavoratori precari VF Storici che da più di 20 anni hanno lavorato e servito questo Dicastero. Gianluca aveva 51 anni e mezzo, è morto perché ha avuto un infarto mentre si allenava tutti i giorni duramente, per cercare di passare le prove fisiche da “supereroi”, indette dalla G.U. stabilizzazione VF del 20 novembre 2018, il Bando del 14 dicembre 2018, con l’introduzione concordata delle prove fisiche, due in più, tra l’ altro rispetto il vero “Concorso di 250 operativi VF”,  deciso in modo unanime, dai confederali con l’ amministrazione del Corpo VF, che lei ha sottoscritto e firmato! Noi crediamo sia giusto e di aver diritto, di essere stabilizzati ed riconosciuti attraverso assunzioni, per lavoro svolto con  anzianità di servizio, come già è stato fatto,  ad altre categorie di lavoratori precari, come la scuola e la  sanità, ecc…, perché dopo aver prestato servizio con mansioni  svolte in diversi ambiti nel Corpo Nazionale VF abbiamo il diritto di consolidare un lavoro dopo tanti anni, per essere reinternalizzati nei diversi servizi dell’amministrazione, per vivere e non per morire!!! Prepararsi ad affrontare prove fisiche difficili a 50 anni per giunta, affrontarle alla pari di un ventenne, nonostante, essendo già lavoratori professionisti idonei del mestiere! Praticamente stiamo parlando di una stabilizzazione, trasformata a un concorso, per i migliori e non già per lavoratori attivi in servizio che svolgono gli stessi compiti dei permanenti VF! Gianluca, lascia moglie e due figli. Ministro, chiediamo innanzitutto solidarietà a nome del nostro collega VF,  e un appuntamento con una nostra delegazione, per confrontarci e riflettere sull’accaduto, magari con un provvedimento di sua mano, per fermare questa forma di illegalità, senza rispetto e diritti  della persona sopra ogni cosa sotto il punto di vista umano e fare in modo che nessun altro possa rischiare la vita, solo perché ha bisogno di avere un posto di lavoro stabile.”

 

Articoli Correlati

LE PIU' LETTE