Aggiornato alle: 09:15 di Venerdi 6 Dicembre 2019
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Roma – Processo Mariottini i legali di Mamadou Gara chiedono la traduzione degli atti

 ULTIME NOTIZIE
Roma – Processo Mariottini i legali di Mamadou Gara chiedono la traduzione degli atti
04 Dicembre
17:43 2019
Processo Mariottini al via l’udienza nell’aula bunker di Rebibbia a Roma. Sotto processo come si ricorderà sono finiti Mamadou Gara, Brian Minteh, entrambi del Senegal, il nigeriano Chima Alinno e Yusuf Salia.

Tutti sono accusati di omicidio volontario, violenza sessuale e cessione di sostanze stupefacenti a minori per la morte di Desirée Mariottini, la 16enne di Cisterna di Latina trovata senza vita il 19 ottobre dello scorso anno all’interno di uno stabile abbandonato del quartiere San Lorenzo a Roma. Secondo le accuse del Pm i quattro avrebbero abusato a turno della ragazzina dopo che l’avevano costretta ad assumere un mix di droghe letali. Ad incastrare i quattro imputati le tracce del loro Dna.

Tornando all’udienza di oggi gli avvocati Ilaria Angelini e Christian Alviani difensori di Mamadau Gara hanno sollevato una questione sulla nullità di tutti gli atti per la mancata traduzione di diversi atti. Più volte i legali difensori avevano sollecitata la necessità di un interprete in quanto il loro assistito non comprende la lingua italiana. Già nel corso dell’incidente probatorio si era verificato lo stesso problema. La corte d’Assise ha accolto la loro istanza ed ha acquisto una serie di documenti chiedendone la traduzione. Il termine per la presentazione di questi atti è stata fissata al 15 gennaio prossimo. Se venisse accolta tale eccezione avrebbe una rilevanza non indifferente sull’intero svolgimento del processo.
Mar.Ming.

Parole Chiave - Tags
LE PIU' LETTE