Aggiornato alle: 18:33 di Venerdi 5 Giugno 2020
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Roma – Coronavirus, controlli dei Carabinieri: un arresto e una denuncia

 ULTIME NOTIZIE
Roma – Coronavirus, controlli dei Carabinieri: un arresto e una denuncia
25 Marzo
14:00 2020
Una persona arrestata, una denunciata a piede libero, un sequestro di droga e un altro di presidi medici privi di certificazione, è il bilancio delle attività di controllo messe in campo dai Carabinieri del Gruppo di Ostia nella giornata di ieri.

In manette è finito un 54enne di Fiumicino con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, porto abusivo di armi ed inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità.

L’uomo è stato fermato dai Carabinieri mentre, in piena notte, circolava al volante della propria autovettura lungo le strade cittadine. L’uomo, già gravato da precedenti penali, non ha saputo giustificare la propria presenza in strada ed è stato sottoposto a perquisizione. Nascosti nel veicolo, i Carabinieri hanno rinvenuto diverse dosi di cocaina, materiale occorrente per il confezionamento della droga e una mazza ferrata. Gli accertamenti sono stati estesi all’abitazione del pusher, dove i militari hanno recuperato altra droga e due bilancini di precisione. Il 54enne è stato posto agli arresti domiciliari in attesa delle decisioni del giudice.

I Carabinieri di Ostia hanno denunciato a piede libero un 60enne, titolare di una rivendita di materassi. L’uomo, già ammonito nei giorni scorsi, aveva nuovamente omesso di chiudere la propria attività, così come disposto dalle attuali misure urgenti per il contenimento dell’emergenza epidemiologica. Non solo: i Carabinieri hanno accertato che il 60enne aveva messo in commercio 33 mascherine protettive artigianali, prive di omologazione. I presidi medici, sulla cui provenienza sono in corso accertamenti, sono stati sequestrati, mentre all’uomo è stato nuovamente intimato di attenersi alle vigenti disposizioni e di chiudere la propria attività commerciale.

Parole Chiave - Tags
SOCIAL
LE PIU' LETTE