Aggiornato alle: 20:01 di Giovedi 18 Aprile 2019
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Roma – Arrestato per peculato funzionario del Ministero della Salute

 ULTIME NOTIZIE
Roma – Arrestato per peculato funzionario del Ministero della Salute
01 Aprile
19:01 2019
Questa mattina la Guardia di Finanza ha arrestato un funzionario del Ministero della Salute, l’accusa è di peculato e autoriciclaggio.

La ludopatia è un grave problema sociale, in Italia secondo una statistica 43 soggetti su 100 hanno problemi con il gioco d’azzardo. La dipendenza da gioco è una patologia che può minare e sconvolgere la vita, intaccare i rapporti con i familiari e interferire con il lavoro, portando così alla catastrofe finanziaria. Se poi nella turbina della dipendenza ci butti i soldi pubblici allora scatta l’arresto. Questo è quello che è successo stamattina a un funzionario del Ministero della Salute. L’uomo si occupava dei rimborsi spese dei colleghi, anziché distribuirli li dirottava sui suoi conti correnti, sostituendo il suo iban.  Si tratta dell’ingente somma di 1,4 milioni, accantonata negli ultimi due anni. Il 55enne utilizzava la maggior parte del denaro per giocare alle slot machine e non solo.  Nei suoi confronti il gip del tribunale di Roma ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere ipotizzando i reati di peculato e autoriciclaggio e ha disposto il sequestro di beni mobili e immobili per circa 200mila euro. Il funzionario falsificava le fatture emesse dalle società che avevano offerto i servizi ai dipendenti, inserendo nei mandati di pagamento il proprio Iban bancario, oppure emetteva lui stessi rimborsi spese per missioni mai svolte. Secondo l’accusa l’uomo spendeva duemila euro al giorno tra un centro scommesse, una sala giochi e i video lottery.

Anna Ammanniti

 

 

Articoli Correlati

LE PIU' LETTE