Aggiornato alle: 14:56 di Lunedi 24 Giugno 2019
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Roccasecca – Approvato piano finanziario della gestione servizio rifiuti, nessun aumento

 ULTIME NOTIZIE
Roccasecca – Approvato piano finanziario della gestione servizio rifiuti, nessun aumento
28 Marzo
11:04 2019
Una buona notizia per i cittadini del Comune di Roccasecca: in linea con gli sforzi messi in campo dall’amministrazione comunale tesi a non gravare economicamente sulle tasche della cittadinanza, oggi, 27 marzo, il Consiglio comunale ha approvato il piano finanziario della gestione del servizio dei rifiuti urbani per l’anno 2019 (Tari) che a differenza di quanto avverrà negli altri comuni ciociari a causa dei rincari SAF, non prevede alcun aumento a carico degli utenti.

Le tariffe restano invariate, non solo: la maggioranza consiliare guidata dal sindaco Giuseppe Sacco è riuscita altresì a confermare un’agevolazione per i portatori di handicap pari al 50%.
La somma che sarà versata nelle casse comunali dagli utenti sarà pari a circa 914mila euro che è la stessa che servirà al comune, in linea con quanto imposto dalla normativa, a garantire in modo efficiente e a migliorarlo ulteriormente il servizio della gestione dei rifiuti: dalla raccolta, allo smaltimento, passando per il decoro cittadino.  Un risultato eccellente quello portato a casa dell’ammimistrazione Sacco che con caparbietà ha lavorato in modo certosino affinché gli aumenti applicati dalla Regione Lazio sulle tariffe di accesso dell’indifferenziato presso l’impianto Saf di Colfelice, non gravassero sulle utenze. Va detto, a tal proposito, che la Regione Lazio il 27 aprile 2018 ha deciso di apportare un aumento sulla tariffa di conferimento che è passata da circa 102 euro a tonnellata a circa 138, vale a dire del 30%. Ed ha anche applicato tale rincaro a partire dal 2015, ovvero con effetto retroattivo.

Il comune di Roccasecca, come tutti i comuni ciociari, quindi si è trovato nel corso del 2018 dinanzi alla circostanza di dover versare nelle casse della Saf di Colfelice il dovuto per lo stesso anno e anche il conguaglio del 2017. Nel 2019 invece dovrà versare parte degli arretrati relativi al 2015 e al 2016 e ovviamente l’anno in corso. Tutto questo a Roccasecca avverrà senza mettere le mani nelle tasche dei cittadini.  Gli utenti quindi dovranno, come lo scorso anno pagare la somma in tre rate con scadenza al 30 luglio, 30 settembre e 30 novembre senza neanche subire l’altra mannaia che si è abbattuta sull’amministrazione comunale che, per far fronte alla normale gestione dei rifiuti senza che i cittadini avessero alcun disagio, ha dovuto conferire in altri impianti a costi più elevati, quasi il doppio, la frazione organica che dall’agosto scorso la Saf di Colfelice è stata impossibilitata a lavorare.

Per sei mesi quindi l’esborso per ogni tonnellata di organico è stato di 180 euro a fronte dei 94 euro applicati precedentemente dalla Saf, mentre dallo scorso febbraio la situazione si è regolamentata a margine di un contratto stipulato con la società partecipata che ha fissato la lavorazione dell’organico a 125 euro.  Insomma per tutta l’amministrazione comunale è stato un grande risultato perché a differenza degli altri comuni ciociari dove si registreranno aumenti da capogiro, a Roccasecca non ci sarà aumenti della tassa sui rifiuti.

E non solo le aliquote rimarranno invariate, ma sono in programma progressive migliorie a vantaggio del cittadino che già ora può contare su un servizio eccellente e sempre puntuale.
“Abbiamo combattuto strenuamente in quest’ultimo anno in assemblea SAF per non far aumentare le tariffe ma purtroppo la maggior parte dei comuni ha voluto l’aumento. Chi ne farà le spese saranno i cittadini ciociari che subiranno i rincari ma non a Roccasecca dove i cittadini di disagi a causa dei rifiuti ne subiscono già troppi”.

Articoli Correlati

LE PIU' LETTE