Regione – Reithera il vaccino italiano anti Covid sarà prodotto nel Lazio | TG24.info
Aggiornato alle: 21:59 di Venerdi 5 Marzo 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Regione – Reithera il vaccino italiano anti Covid sarà prodotto nel Lazio

 ULTIME NOTIZIE
Regione – Reithera il vaccino italiano anti Covid sarà prodotto nel Lazio
26 Gennaio
22:55 2021

 

 

 

L’Italia si è distinta nella ricerca di più vaccini: il vaccino AstraZeneca, sviluppato dall’università di Oxford e dall’Irbm di Pomezia e il ReiThera è il vaccino tutto italiano. GRAd-COV2 è il candidato vaccino italiano contro SARS-CoV-2 il virus che causa Covid 19. È il vaccino ottenuto dalla ricerca portata avanti da Spallanzani/ReiThera.

ReiThera Srl, società con sede a Castel Romano, ideatrice del vaccino, è stata costituita nel 2014 da un gruppo di ricercatori italiani che avevano ideato l’utilizzo dell’adenovirus dello scimpanzé come “navicella” su cui innestare il materiale genetico necessario per realizzare vaccini contro malattie infettive come Epatite C, malaria, virus respiratorio sinciziale, ed Ebola. Sulla base di questa esperienza, ReiThera ha recentemente sviluppato il nuovo vettore virale, GRAd32, isolando un adenovirus di gorilla che negli studi preclinici ha indotto una forte risposta immunitaria, sia umorale che cellulare, contro le proteine veicolate, dimostrando inoltre un buon profilo di sicurezza. Attraverso tecniche sofisticate questo virus, assolutamente innocuo per l’uomo, è stato modificato per azzerarne la capacità di replicazione; successivamente è stato inserito al suo interno il gene della proteina S del SARS-CoV-2, il principale bersaglio degli anticorpi prodotti dall’uomo quando il coronavirus penetra nell’organismo. Una volta iniettato nelle persone, questo virus modificato, o meglio la proteina S che trasporta, provocherà la risposta del sistema immunitario dell’organismo, ovvero la produzione di anticorpi in grado di proteggere dal virus SARS-CoV-2. Altri vaccini basati su vettori adenovirali ricavati dai primati sono già stati valutati in trial clinici di fase 1 e 2 per candidati vaccini di altre malattie infettive, dimostrando di essere sicuri e di generare risposte immunitarie consistenti anche con una singola dose di vaccino. Oggi finalmente si ha il via libera da parte del CdA di Invitalia al contratto di sviluppo Invitalia-Reithera. L’ok al finanziamento per la fase 2! Lo sviluppo è avvenuto con il sostegno del governo, del Consiglio nazionale delle ricerche e della Regione Lazio. I test sui primi volontari, autorizzati dall’Agenzia italiana del farmaco (Aifa), sono condotti all’ospedale Spallanzani di Roma e al Centro Ricerche Cliniche di Verona. E’ il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ad accogliere le ultime novità sul vaccino GRAd-COV2. “E’ un’ottima notizia che il vaccino anti COVID dell’Istituto Spallanzani / ReiThera sarà prodotto nella nostra regione, in provincia di Roma a Castel Romano. Come Regione Lazio abbiamo creduto sin dall’inizio, nella primavera dello scorso anno, in questa ricerca sostenendola economicamente e con la massima fiducia in un team che con grande competenza e professionalità si è lanciato a capo fitto in un’avventura scientifica che molto presto ci permetterà di avere un vaccino italiano. Questo è un vaccino anti COVID monodose, che si mantiene tra 2 e 8 gradi, e per le sue caratteristiche è un prodotto unico e assolutamente straordinario, uno strumento, che aiuterà tutto il nostro Paese ad uscire finalmente dalla pandemia. Ringrazio ancora una volta scienziati e ricercatori che stanno lavorando e studiando da mesi, senza sosta, per realizzare questo vaccino, un aiuto indispensabile nella lotta al COVID in cui tutti noi, istituzioni e cittadini, siamo impegnati quotidianamente per uscire finalmente dall’incubo. L’industria farmaceutica è una importante eccellenza del sistema produttivo del Lazio. Un settore altamente innovativo e dalla forte vocazione internazionale. Il Lazio con oltre 13 miliardi di export farmaceutico nel 2019 è, infatti, la prima regione italiana per export, un valore pari al 40% del totale dell’export farmaceutico italiano.”

Anna Ammanniti

Parole Chiave - Tags

 

IN EVIDENZA

.

SOCIAL
TOP NEWS
PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com