Aggiornato alle: 19:00 di Lunedi 21 Ottobre 2019
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Regione – Braccianti sfruttati e minacciati con fucili e coltelli, orrore a Terracina: arrestato imprenditore

 ULTIME NOTIZIE
Regione – Braccianti sfruttati e minacciati con fucili e coltelli, orrore a Terracina: arrestato imprenditore
12 Ottobre
16:09 2019
Un imprenditore agricolo è finito in arresto a Terracina. E’ accusato di sfruttamento del lavoro, minaccia aggravata con l’utilizzo di un fucile a pompa, lesioni personali, detenzione abusiva di munizionamento e omessa denuncia di materie esplodenti.

Secondo le indagini delle forze dell’ordine l’imprenditore utilizzava metodi da lager per fare in modo che i braccianti lavorassero di più. Fucili e coltelli nella mani di “caporali” che minacciavano i lavoratori.

La notizia ha sconvolto la pubblica opinione. Ecco il commento del sindacato FLAI FROSINONE-LATINA:

 

Quel fucile puntato contro quegli operai agricoli dobbiamo sentirlo puntato contro la nostra tempia!

L’arresto dell’imprenditore agricolo, da parte degli agenti del Commissariato di Terracina, responsabile dei reati di sfruttamento del lavoro, minaccia aggravata con l’utilizzo di arma da fuoco, lesioni personali é un fatto agghiacciante.
‘L’utilizzo di “caporali”, le minacce a mano armata, le condizioni dei lavoratori nei luoghi che li accoglievano ci fanno inorridire – dichiara Stefano Morea della FLAI CGIL – nonostante da decenni la CGIL pontina quasi in totale solitudine denunci le gravi condizioni di sfruttamento degli operai agricoli’.
‘Il lavoro di denuncia fatto in questi anni ha portato sul territorio l’attenzione necessaria ed ha prodotto uno serie di strumenti, non ultima la Legge regionale dello scorso agosto.
Il rammarico – continua Stefano Morea-è che, nonostante i fatti raccapriccianti di cronaca, la Sezione territoriale per il Lavoro Agricolo di Qualità prevista dalla L. 199 del 2016 non viene convocata da tempo dalla direzione provinciale dell’INPS di Latina nonostante le continue richieste delle OO. SS”.

 

Articoli Correlati

LE PIU' LETTE