Provincia – Incontro sui temi lavoro e sviluppo del territorio | TG24.info
Aggiornato alle: 22:29 di Martedi 15 Giugno 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Provincia – Incontro sui temi lavoro e sviluppo del territorio

 ULTIME NOTIZIE
Provincia – Incontro sui temi lavoro e sviluppo del territorio
18 Settembre
21:32 2017

 

 

La Provincia di Frosinone ancora una volta sede di confronto e di attenzione al tema del lavoro e dello sviluppo del territorio.

Facendo seguito alle richieste delle organizzazioni sindacali, si è tenuto oggi nel salone di Rappresentanza di Palazzo Gramsci l’incontro convocato dal Presidente Antonio Pompeo, che ha chiamato i sindaci e i presidenti della Comunità montane per l’illustrazione delle opportunità contenute nell’accordo che CGIL, CISL, UIL e UGL hanno sottoscritto con la Regione Lazio lo scorso mese di luglio.

Durante la riunione, i rappresentanti dei sindacati hanno spiegato ai presenti le modalità operative per attivare progetti per lavori di pubblica utilità rivolti agli over 60 o a coloro che rientrano nell’ottava salvaguardia.

Teniamo alta l’attenzione sul tema del lavoro e dello sviluppo – ha dichiarato il Presidente della Provincia Antonio Pompeo – lo facciamo come al solito continuando un percorso di condivisione con il territorio e cercando di mettere insieme sia la necessità di creare nuove opportunità che di sostenere chi vive situazioni di difficoltà. Un modello che fino ad oggi ha portato a risultati non scontati. Non bisogna tralasciare nessuna strada per creare occupazione – ha aggiunto il Presidente Pompeo – anche quella presentata oggi per i lavori di pubblica utilità, un’occasione per fasce d’età e categorie sociali che più difficilmente possono essere reimpiegate. Occorre che tutte le Istituzioni del territorio diano il loro contributo, concretizzando anche lo sforzo fatto dai sindacati. Per questo è necessario coinvolgere i sindaci per non perdere questa possibilità”.

La scorsa settimana c’è stata la presentazione della Call per l’Area di crisi aperta anche alle piccole e medie imprese, escluse nel precedente Accordo: una istanza portata al tavolo ministeriale dalla Provincia che aveva accolto una volontà del territorio. “Ora bisogna continuare su questa strada – ha aggiunto Pompeo – affinché l’opportunità si trasformi in progetti concreti, dunque in investimenti e nuovi posti di lavoro. Nei giorni scorsi mi era stato segnalato il problema della mancata erogazione delle indennità di mobilità 2016 e 2017 da parte dell’Inps. Un problematica della quale abbiamo subito interessato la Regione Lazio che ha convocato i sindacati per trovare una soluzione. Lasciatemelo dire con orgoglio – ha concluso il Presidente Antonio Pompeo – la provincia di Frosinone sul tema del lavoro ha dimostrato la volontà e la capacità di saper fare squadra, ottenendo opportunità per lo sviluppo come l’Area di crisi e misure per contrastare il disagio, come la proroga degli ammortizzatori sociali e i lavori di pubblica utilità. Non abbiamo delegato ad altri, ma ci siamo riappropriati della nostra capacità di incidere sull’agenda dei provvedimenti. E la Provincia, pur non avendo delega specifica, ha giocato un ruolo essenziale e determinante, insieme agli altri attori territoriali”.

Soddisfatto anche il presidente della XV Comunità montana Valle del Liri di Arce ing. Gianluca Quadrini non ha voluto assolutamente mancare ed ha dichiarato: “Una lodevole soluzione per la tutela dei lavoratori attraverso percorsi innescati dalla collaborazione tra enti, organizzazioni sindacali e rappresentanze dei lavoratori, alla quale mi auguro che anche altri sindaci si associno. Personalmente ribadisco la mia presenza come ente montano a sostenere il progetto. Noi non vogliamo dare ai lavoratori sussidi ma fattore fondamentale è che venga rispettata in primis la dignità del lavoratore. E’ necessario che questo sia un assegno che porti benessere psicologico al lavoratore e quello fisico alle amministrazioni per garantire loro quei piccoli e grandi servizi di cui attualmente gli enti locali sono deficitari. Faccio voto ai sindacati perché i lavoratori non devono pensare di venire negli enti locali pubblici o di area vasta a fare nulla con il rischio di creare una seconda ondata di Lsu, ma è importante che siano produttivi. Se le aziende o gli enti si rendono conto che queste personalità sono valide e capaci di garantire ciò che viene loro richiesto non si esclude la probabilità di un’assunzione con lo scopo di garantirgli un accompagnamento in questi ultimi anni prima del raggiungimento della pensione”.
“Attendiamo quindi fiduciosi la modulistica per aderire a questo valido progetto. I miei complimenti ai sindacati che tanto si sono adoperati per tale realizzazione, al dott. Enrico Coppotelli segretario provinciale Cisl ed Enzo Valente segretario provinciale Ugl, nonché all’ente Provincia che ha fatto da coordinatrice per l’area di crisi complessa”.

 

IN EVIDENZA

.

SOCIAL
TOP NEWS