Provincia – Botti di Capodanno, appello ai sindaci | TG24.info
Aggiornato alle: 09:57 di 1 Agosto 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Provincia – Botti di Capodanno, appello ai sindaci

 ULTIME NOTIZIE
Provincia – Botti di Capodanno, appello ai sindaci
22 Dicembre
22:00 2017

 

 

 

Coordinamento Provincia di Frosinone Coordinamento Città Monte San Giovanni Campano. BOTTI DI CAPODANNO: APPELLO ai Sindaci della Provincia di Frosinone di emettere un’ordinanza contro i botti.

“Siamo ormai alle porte delle Festività Natalizie, in ogni strada di tutti i Comuni c’è una fervida preparazione, ogni anno c’è lo stesso entusiasmo ad osservare i minimi dettagli. Si vogliono le luci migliori, si vogliono organizzare le più disparate sagre e manifestazioni, istallare l’albero più imponente (meglio se finto) e il Presepe più elaborato e vedere la gioia sui volti dei bambini.

Purtroppo come ogni medaglia esiste un’altra faccia, quella dei temibili botti di Capodanno, sempre più rischiosi a cose e persone. Vengono venduti senza freni, detonati in altrettanta maniera, maneggiati talvolta da mani inesperte e rischiano di provocare danni di una certa entità non solo a chi ne fa uso, ma anche a coloro che eventualmente ne venissero colpiti. Per non parlare dei tanti animali domestici impauriti dal forte rumore che scappano o che non vedono proprio l’anno nuovo; se scappano si ha la fortuna di ritrovarli solo se donati di microchip e/o medaglietta.

In Ciociaria ogni anno ci sono le raccomandazioni delle forze dell’ordine che invitano i negozianti a non vendere materiale pirotecnico ai ragazzi con età inferiore ai 14 anni e di sparare i botti in luoghi aperti. Per questo vogliamo rivolgere un appello a Tutti i Sindaci della Provincia di Frosinone affinché emettano opportune Ordinanze Sindacali per il divieto dei botti nei centri storici, in strada, nei luoghi affollati dove si svolgono feste, nei parchi frequentati dai bambini, nei boschi ormai distrutti dai recenti incendi estivi e soprattutto accanto a zone con presenza di animali tra cui canili e rifugio. Tutto questo però dovrebbe essere anche accompagnato dal rispetto che i singoli cittadini hanno verso la sicurezza propria e a quella di chi gli sta attorno. Chiedere un’abolizione assoluta dei botti immagino sia troppo ma non una pessima idea.

È già l’attesa del Natale, l’arrivo dell’Anno Nuovo e la Venuta dei Magi che trasmettono quello che viene chiamato “Spirito Natalizio” e l’idea della famiglia unita che rafforza lo spirito stesso, non c’è bisogno dei botti per vivere al meglio queste festività. La nascita di Gesù Bambino e l’Anno Nuovo non chiedono i botti, non chiedono un’amputazione di un arto o la perdita di un occhio, non chiedono di far morire di infarto cani e gatti. Resta comunque in mio particolare invito rivolto ai padroni dei loro amici a quattro zampe di non lasciarli soli in questi giorni, soprattutto la notte di Capodanno e di soffocare i rumori assordanti dei botti con TV e radio a tutto volume. In loro nome vorrei rilanciare l’hashtag #noaibottisiaibiscotti, un modo simpatico e social per dire basta! Non è solo per difendere i diritti dei nostri fidati amici pelosi ma anche per tutelare noi essere umani da rischiosi incidenti e passare le feste con gioia e serenità, come si addice al Natale e perché no meglio se in loro compagnia.

Cari Sindaci, ascoltate queste parole, abolite i botti e utilizzate le risorse economiche per risolvere problemi più importati, non “buttateli all’aria”!”. (fonte: comunicato stampa, foto dal web)

Parole Chiave - Tags
  •  

IN EVIDENZA

SOCIAL
TOP NEWS