Provincia – Bonifica della Valle del Sacco, le lamentele di Magliocchetti | TG24.info
Aggiornato alle: 20:05 di Martedi 19 Ottobre 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Provincia – Bonifica della Valle del Sacco, le lamentele di Magliocchetti

 ULTIME NOTIZIE
Provincia – Bonifica della Valle del Sacco, le lamentele di Magliocchetti
14 Agosto
20:01 2018

 

 

<Il processo di bonifica della Valle del Sacco, non solo procede con una lentezza disarmante, ma possiamo tranquillamente dire che è pressochè fermo>. Le parole sono del consigliere comunale e provinciale Danilo Magliocchetti che ancora una votla è sceso in campo per far sentire la sua voce su questa incresciosa problematica.

<Lo testimoniano i numeri- ha continuato il consigliere- , come al solito difficili da smentire. Nel corso del 2018, infatti,  sono stati emessi appena 4 decreti ex art. 14 bis, comma 5, legge 7 agosto 1990, n. 241, inerenti la  Conferenza di servizi decisoria relativa al sito di bonifica di interesse nazionale “Bacino del fiume Sacco”. Quelli relativi ai piani di caratterizzazione dell’area per intenderci. Mentre si sono svolte, sempre presso il Ministero dell’Ambiente, appena 6 audizioni con i soggetti interessati al piano di caratterizzazione. Sia per i decreti, che per le audizioni le attività sono ferme ad aprile scorso. In 4 mesi non è stato prodotto un solo atto ufficiale. Il perché è noto. Si tratta di una procedura contorta, di burocratizzazione esasperante e in capo al Ministero dell’ambiente che, con la medesima struttura, deve seguire le procedure di altri 40 SIN in Italia, oltre quello della Valle del Sacco. Attualmente i SIN ufficiali sono 41.

Di questo passo ci vorranno decenni, prima di arrivare al completamento dei piani di caratterizzazione di tutta l’area. La lentezza del processo d’altronde era stata evidenziata già dalla Relazione della Commissione Bicamerale della XVII Legislatura sul traffico illecito di rifiuti e sulle Bonifiche dei Siti di Interesse Nazionale (SIN), approvata il 28 febbraio scorso, laddove la commissione concludeva così” la Commissione conclude che bisogna perseguire non più una logica procedurale, ma una logica “di risultato” che è capace di coniugare una maggiore interlocuzione con i soggetti privati con competenze tecniche e giuridiche condividendo il tutto con i soggetti presenti nei siti, interlocutori pubblici e cittadini.” Ma vi è di più. Anche l’ex Ministro dell’Ambiente Galletti in sede di audizione nella Commissione ambiente, qualche mese fa rilevava ” da un lato numeri migliorativi, ma nel contempo valuta che lo strumento della Conferenza di Servizi, nonostante sia stato semplificato, risulti essere ancora lento e spesso non risolutivo in particolare per l’approvazione dei progetti di bonifica”.

Alla luce di questi elementi oggettivi, sarebbe necessario nominare detta dell’esponente politico locale, da parte del Governo, un Commissario Straordinario per la bonifica del SIN Valle del Sacco, così come già accaduto per il SIN di Crotone. (foto di repertorio)

Parole Chiave - Tags
  •  

IN EVIDENZA

.

.

SOCIAL
TOP NEWS