Aggiornato alle: 14:08 di Lunedi 27 Maggio 2019
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Pico – Approvata in giunta la proposta dell’assessore Grossi

 ULTIME NOTIZIE
Pico – Approvata in giunta la proposta dell’assessore Grossi
12 Febbraio
22:01 2019
Incentivo annuale per le spese di mantenimento per chi adotta un cane. Nel Comune di Pico è possibile dare una seconda vita, forse migliore, ai cani “dimenticati”.

L’Amministrazione Comunale di Pico ha avviato, in linea con l’indirizzo di altri Comuni italiani, una campagna di sensibilizzazione e di promozione delle adozioni dei cani abbandonati e ricoverati nelle strutture convenzionate con il Comune. Il progetto, promosso dall’assessore LUIGI GROSSI, che si è fatto portavoce dell’esigenza forte e sentita di adottare misure di contrasto degli abbandoni, promuovendo politiche volte al reinserimento degli animali da affezione in un contesto familiare ed individuale, vuole limitare la permanenza nelle strutture di ricovero e favorire il rapporto affettivo uomo-animale con valorizzazione della sua valenza sociale. A chi desidera adottare un cane l’Amministrazione Comunale di Pico prevede un contributo annuo di 500 euro, dalla data di affido, da corrispondere per prestazioni veterinarie e per la fornitura di alimenti.  Il versamento a titolo di rimborso spese, dovrà essere corrisposto previa verifica dell’effettiva presa in affidamento dell’animale, della sua iscrizione all’anagrafe canina e della buona conduzione dello stesso.

In tal senso, a Pico nasce finalmente uno spiraglio di luce per gli amici a quattro zampe. Nel nostro Comune è possibile adottare un cane senza troppe lungaggini burocratiche – ha spiegato il sindaco ORNELLA CARNEVALE. Basta essere realmente interessati e fare una semplice domanda presso gli uffici municipali e, in poco tempo, i cari trovatelli, provvisti di microchip, sterilizzati e iscritti all’anagrafe canina, potranno essere condotti a casa dai nuovi proprietari. Si tratta di un’iniziativa fortemente voluta dall’Amministrazione Comunale e dalla cittadinanza che intende contrastare il doppio fenomeno del randagismo e dell’abbandono”. (Fonte comunicato stampa)

Articoli Correlati

LE PIU' LETTE