Aggiornato alle: 13:00 di Martedi 17 Settembre 2019
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Patrica – Il sindaco Fiordalisio annuncia la manifestazione del 22 settembre

 ULTIME NOTIZIE
Patrica – Il sindaco Fiordalisio annuncia la manifestazione del 22 settembre
19 Agosto
19:26 2019

 

 

 

(di Anna Ammanniti) Il territorio è invaso da una puzza insostenibile, tutta la Valle del Sacco puzza! Da Colleferro a Patrica, passando per via Le Lame, nell’aria si sentono odori nauseabondi, causati dalle emissioni odorigene delle discariche e degli impianti di rifiuti

Le esalazioni disgustose entrano nelle case, nei negozi, rendono la vita di tutti un grande disagio. Secondo un’indagine condotta dalla Regione Lazio sugli impatti sanitari di discariche, inceneritori e TMB nel decennio 1998-2008 nelle zone dove è più alta la concentrazione di idrogeno solforato (H2S), l’inquinante che si disperde principalmente nell’aria dalle esalazioni delle discariche, ci sono più ricoveri per alcune malattie, sia per gli uomini (+26% per malattie respiratorie e + 59% per tumore alla vescica), sia per le donne (+62% per asma e +27% per malattie del sistema urinario). Detto ciò, quindi  la puzza non è solo ripugnante fa anche male alla salute e il sindaco Lucio Fiordalisio denuncia l’immobilismo ambientale nella Valle del Sacco, scendendo in strada il prossimo 22 settembre. Il primo cittadino in queste ultime settimane ha evidenziato come la politica regionale abbia preso le distanze da ciò che succede nel territorio da lui governato. Un piccolo paese nel quale ai cinque impianti di rifiuti pericolosi, potrebbero aggiungersene altri quattro dello stesso tipo. Le richieste di autorizzazioni continuano ad arrivare nel suo ufficio ed ormai stanco della situazione ha deciso di organizzare la manifestazione, al motto: “SIAMO chi non resterà in silenzio!” Il sindaco Lucio Fiordalisio: “Alla luce delle tante richieste da parte di impianti di rifiuti che vorrebbero insediarsi in questo territorio, per reclamare il sacrosanto diritto alla salute, al poter vivere dignitosamente nelle proprie abitazioni, all’indignazione verso coloro che agiscono impuniti continuando ad inquinare i nostri terreni, la nostra acqua e la nostra aria. Siamo pronti a scendere in strada per questo. Quando non arrivano le risposte, quando la burocrazia fossilizza le procedure, quando l’immobilismo emerge in maniera palese, resta come ultimo baluardo il popolo. Le mobilitazioni, le lotte sociali, le battaglie per i diritti, sono sempre state ottenute grazie alla forza della gente, ecco perché auspico una grande partecipazione da parte dei cittadini non solo di Patrica ma anche dei Paesi limitrofi, che vogliono condividere la nostra protesta.”

Anna Ammanniti

 

Articoli Correlati

LE PIU' LETTE