Pastena – Gnesi dopo le polemiche: “La minoranza è allo sbando” | TG24.info
Aggiornato alle: 04:00 di Venerdi 17 Settembre 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Pastena – Gnesi dopo le polemiche: “La minoranza è allo sbando”

 ULTIME NOTIZIE
Pastena – Gnesi dopo le polemiche: “La minoranza è allo sbando”
27 Ottobre
17:16 2016

 

 

Perimetrazione del SIN Valle del Sacco e dissesto finanziario: il sindaco Arturo Gnesi risponde alla minoranza dopo le accuse dei giorni scorsi.

Spiega il sindaco: <Credo che la minoranza consiliare e in particolar modo la dott.ssa Simona Savone quando gli argomenti sono difficili e le materie complicate rinuncino a priori a comprenderle e con molta disinvoltura dicono che sono “invenzioni” o “bufale” del sindaco>. Gnesi si concentra sulla questione ambientale: <E’ già successo con il nuovo perimetro del S.I.N. Valle del Sacco. Paradossalmente anziché sfogliare le relazioni degli organismi istituzionali che hanno lavorato per anni e alla fine con i  dati alla mano e il codice delle leggi emanate dal Parlamento italiano,  hanno dichiarato contaminato un terreno utilizzato dai cantieri T.A.V.  durante la costruzione della linea ferroviaria Roma-Napoli, e nonostante le relazioni siano sul sito del Ministero dell’Ambiente per la dott.ssa Savone sono state pure “invenzioni ” del sindaco>. Il primo cittadino si concentra poi sulla questione dissesto finanziario: <Riguardo al dissesto finanziario, la cui procedura è complessa, i parametri sono elaborati dalla Corte dei Conti e le procedure dal Ministero dell’Interno e benché esista un’ampia illustrazione nella legge dello Stato 267 del 2000, anche qui la minoranza di Pastena anziché studiare gli atti e riflettere sulle cose da dire ha preferito etichettare il tutto come una “bufala” del sindaco. Risulta evidente che questo stile propagandistico di fare polemica e di portare avanti rivendicazioni politiche appare del tutto sterile, frutto dell’approssimazione e del desiderio di creare solo confusione tra i cittadini dimenticando tra l’altro che la stessa dott.ssa Savone ha ricevuto nel 2015 oltre duemila euro per un credito che vantava nei confronti del comune di Pastena>.  Continua Gnesi, alimentando anche il dibattito politico: <Il commissario liquidatore sicuramente risponderà alle false attestazioni della minoranza riguardo alla presunta negazione di accesso agli atti. Così facendo la minoranza risulta essere il megafono di personaggi tramontati e che purtroppo con il loro malgoverno hanno condotto il paese verso il disordine amministrativo e il deficit finanziario>. Conclude il suo intervento Arturo Gnesi: <Penso che il profilo mostrato dal gruppo di opposizione sia veramente basso e che la futile esternazione,  infantile e fasulla su argomenti che meriterebbero ben altre considerazioni e riflessioni,  non sia utile per nessuno, tantomeno ad avere nostalgia degli “sponsor” della  minoranza che nel  recente passato hanno seriamente compromesso lo sviluppo economico del nostro paese>.

CAP

  •  

IN EVIDENZA
SOCIAL
TOP NEWS