Pastena – A fine anno la comunità rimarrà senza la banca | TG24.info
Aggiornato alle: 20:31 di Martedi 15 Giugno 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Pastena – A fine anno la comunità rimarrà senza la banca

 ULTIME NOTIZIE
Pastena – A fine anno la comunità rimarrà senza la banca
14 Novembre
16:30 2016

 

 

A fine anno la filiale dell’Unicredit chiuderà i battenti dopo vent’anni di attività. Pastena, dunque, rimarrà senza banca. Dal colosso bancario hanno fatto sapere che questa scelta rientra in un piano più ampio di ridistribuzione della forza lavoro sul territorio, alla strategia di mercato e di sviluppo aziendale. Il sindaco Gnesi, però, non ci sta e critica fortemente una decisione che penalizza fortemente la comunità che rappresenta.

Ma perché si è arrivati a questo punto. Lo ha spiegato la dirigenza di Unicredit al sindaco Gnesi: <Anzitutto i costi e la concorrenza che impongono il taglio delle spese e che porterà alla soppressione di circa 1500 sportelli   e poi  il numero delle operazioni che secondo insondabili criteri è insufficiente per garantirne la permanenza a Pastena. Ho fatto notare che già il servizio è limitato a due giorni settimanali e solo in orario antimeridiano e  che il bancomat è quasi sempre nei fine settimana fuori uso. Un disservizio  pertanto costringe a recarsi fuori sede per prelevare i contanti o per eseguire operazioni bancarie. Il direttore e il responsabile del marketing hanno sottolineato che le moderne tecnologie consentono di effettuare anche da casa oppure con il cellulare verifiche ed operazioni sul conto tanto da rendere inutile la presenza della banca. A nulla sono valsi i ragionamenti sulla opportunità di rivedere questa scelta e di non chiudere la banca che offre un servizio utile e talvolta indispensabile ai turisti che in estate transitano per il nostro paese>.  In chiusura una amara riflessione da parte di Gnesi: <Chiude la banca come ha già chiuso la scuola media, il lavoro bisogna cercarlo con il lanternino fuori dai confini, in molti fanno i pendolari per mantenere intatti i legami con la propria cultura e le proprie tradizioni ma per Unicredit prevale la logica del profitto e della ricchezza. Dimenticano i grandi manager di Unicredit, gli sforzi che all’inizio i cittadini di Pastena hanno fatto per dare più spazi e risparmi alla banca che ora ci abbandona, dimenticano i direttori che la presenza della banca sul nostro territorio dà fiducia e supporto ai piccoli operatori commerciali, dà sostegno ai loro sforzi di far crescere l’economia e il benessere sociale del nostro paese. Ma forse stiamo sprecando il nostro tempo perché dinanzi agli affari i sentimenti non contano>.

CAP

Parole Chiave - Tags

 

IN EVIDENZA
SOCIAL
TOP NEWS