Aggiornato alle: 21:02 di Lunedi 30 Novembre 2020
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Omicidio Mollicone – La perizia conferma: la ragazza ha sbattuto la testa contro la porta dell’appartamento

 ULTIME NOTIZIE
Omicidio Mollicone – La perizia conferma: la ragazza ha sbattuto la testa contro la porta dell’appartamento
08 Novembre
07:00 2017
La svolta. Finalmente. A diciassette anni dalla tragica morte di Serena Mollicone le prime verità, quelle certe, quelle concrete, iniziano ad emergere. La perizia della tanatologa Cristina Cattaneo, perito nominato dal Procuratore Capo Luciano d’Emmanuele, parla chiaro: la testa della diciottenne di Arce, trovata morta nel bosco La Cupa di Anitrella, ha sbattuto contro la porta dell’alloggio al pian terreno della caserma di Arce.

Una conferma che arriva dopo un anno e mezzo di indagini, riscontri scientifici e una ricostruzione tridimensionale dell’urto. Nella perizia di oltre 250 pagine consegnata al sostituto procuratore Maria Beatrice Siravo, magistrato titolare dell’inchiesta, la dottoressa Cattaneo parla anche di una compatibilità di un pugno sferrato con violenza sempre contro la stessa porta. Per riepilogare quindi Serena Mollicone dopo aver sbattuto con violenza contro la porta potrebbe aver perso i sensi e quindi data per morta. Chi era con lei preso da panico ha poi messo in atto il rito di ‘inpacchettamento’ della poveretta che è morta soffocata dopo una lunga agonia. Resta da capire se il segno trovato sulla superficie sia antecedente o successivo all’impatto della fronte occipitale di Serena Mollicone con il legno della porta.

@nicoletti

Parole Chiave - Tags
IN EVIDENZA

.

SOCIAL
TOP NEWS