Msgc – Bonus pc e internet, niente soldi per le famiglie | TG24.info
Aggiornato alle: 14:20 di 16 Maggio 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Msgc – Bonus pc e internet, niente soldi per le famiglie

 ULTIME NOTIZIE
Msgc – Bonus pc e internet, niente soldi per le famiglie
16 Novembre
20:30 2020

 

 

 

Il Governo ha messo a disposizione dei cittadini con Isee al di sotto dei 20 mila euro un contributo per l’attivazione di connessioni veloci e contestualmente per l’acquisto di pc o tablet.

Via ai voucher per la banda ultralarga. A disposizione dei cittadini ci sono fino a 500 euro per l’attivazione di connessioni veloci e contestualmente per l’acquisto di tablet o pc. in particolare si parla di connettività ad almeno 30 Megabit al secondo e di tablet o computer forniti dall’operatore. Un’opportunità che non riguarderà però il Comune di Monte San Giovanni Campano. <E’ notizia di questi giorni –interviene l’avvocato Carlo Coratti- del finanziamento destinato alle famiglie con Isee fino a 20 mila euro per l’attivazione di nuove linee telefoniche. Un aiuto importante che riguarderebbe un buon numero di cittadini del nostro territorio. Il progetto è nato per favorire e potenziare la didattica a distanza e lo smart working, tenendo conto che una delle difficoltà principali riscontrate durante l’ultimo lockdown è stata proprio l’assenza di linea veloce. E il nostro paese non fa eccezione. Parliamo di un’infrastruttura fondamentale per gli studenti ma anche per tanti professionisti in una società che va verso la digitalizzazione. Non poterne usufruire ci riporta indietro di anni, negando lo sviluppo socio economico di un territorio che resta legato agli schemi di quella ruralità per nulla proiettata verso sfide future.
Ad oggi diventa anche un problema sociale nel momento in cui, come in questa fase, si ricorre alla didattica a distanza.
Succede quindi che lo Stato eroga importante somme di denaro per l’attivazione di nuove linee telefoniche finalizzate a questo scopo, ma il Lazio limita il beneficio escludendo di fatto molti Comuni, compreso il nostro.
Una scelta che porta a gravi conseguenze e che distingue cittadini di serie A e cittadini di serie B. Chiamo ovviamente in causa la responsabilità degli enti preposti: la Regione sicuramente, ma anche quelle amministrazioni locali che ancora oggi fanno pagare ai propri cittadini lo scotto dell’assenza della banda larga. Questa è una grave mancanza.
Vorrei quindi invitare la nostra Amministrazione che per dieci anni ha fatto lavori di scarsa e dubbia utilità, a svegliarsi. Rivolgo un appello al presidente Zingaretti perché venga recuperato un gap che è sotto gli occhi di tutto. E’ ora di darsi da fare e che si vada a bussare presso le opportune sedi perché i cittadini di Monte San Giovanni possano usufruire dell’incentivo statale. Se è vero che i lavori della banda larga stanno andando avanti, perché non inserire tra i Comuni beneficiari anche il nostro visto che il finanziamento è stato prorogato al 2021?
Intanto, invito ad accelerare l’ultimazione dei lavori e a rivendicare quello che è un diritto per tutti i cittadini, nelle sedi opportune>.

 

IN EVIDENZA

.

SOCIAL
TOP NEWS