Aggiornato alle: 23:04 di Martedi 24 Novembre 2020
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Lazio – Caccia: firmato il decreto stagionale, la nota di Magliocchetti

 ULTIME NOTIZIE
Lazio – Caccia: firmato il decreto stagionale, la nota di Magliocchetti
22 Giugno
15:00 2017
Il Presidente Zingaretti ha firmato oggi, con Decreto T 00105, il calendario venatorio 2017/2018. La stagione venatoria quindi avrà inizio il 17 settembre 2017 e terminerà il 31 gennaio 2018.

“Per l’intera stagione venatoria la caccia  – scrive Magliocchetti consigliere comunale e provinciale di Forza Italia – è consentita tre giorni per ogni settimana, che il titolare della licenza può scegliere fra quelli di lunedì, mercoledì, giovedì, sabato e domenica. Sono previste inoltre, con l’esclusione dei territori ricompresi nelle Zone di Protezione Speciale (ZPS), due giornate di preapertura e segnatamente nei giorni 02 e 10 settembre 2017, laddove è consentito l’esercizio venatorio alle specie: cornacchia grigia, gazza, ghiandaia, merlo, tortora. L’esercizio venatorio, in queste due giornate è consentito dalle ore 5.40 alle ore 19.40. Infine è previsto il posticipo al giorno 10 febbraio 2018 della chiusura della caccia alle specie: colombaccio, cornacchia grigia, gazza e ghiandaia”.
“Come ogni anno e come di consueto – aggiunge Magliocchetti – per esercitare la caccia, il cacciatore deve essere munito del tesserino venatorio, valido su tutto il territorio nazionale. Il tesserino viene rilasciato dalle sedi provinciali della Direzione Regionale Agricoltura e Sviluppo Rurale, Caccia e Pesca (Aree Decentrate Agricoltura) anche per il tramite dei Comuni. E’ cura del titolare del tesserino che, all’inizio della stagione venatoria, vengano registrate sullo stesso la forma di caccia prescelta in via esclusiva, gli Ambiti Territoriali di Caccia (ATC) attribuiti, sia regionali che extraregionali e l’eventuale appartenenza a squadra di caccia al cinghiale sia in girata che in braccata.
Ora che il calendario venatorio è stato ufficializzato è indispensabile che la Regione Lazio individui anche risorse economiche adeguate per consentire la indispensabile convenzione con la polizia provinciale di Frosinone per la necessaria vigilanza ittico venatoria che dovrà necessariamente effettuarsi durante le giornate di caccia. Giova ricordare, a tale proposito, che sul nostro territorio sono circa 250 i guardia caccia volontari che aspettano notizie e risorse da parte della Regione Lazio”.

(fonte: Comunicato Stampa)

Parole Chiave - Tags
IN EVIDENZA

.

SOCIAL
TOP NEWS