IL PUNTO – Covid: i dati delle vaccinazioni in Italia, arriva il vaccino russo Sputnik? | TG24.info
Aggiornato alle: 21:00 di 1 Agosto 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

IL PUNTO – Covid: i dati delle vaccinazioni in Italia, arriva il vaccino russo Sputnik?

 ULTIME NOTIZIE
IL PUNTO – Covid: i dati delle vaccinazioni in Italia, arriva il vaccino russo Sputnik?
22 Gennaio
11:01 2021

 

 

 

Alle ore 8.03 di oggi venerdì 22 gennaio sono state somministrate in Italia 1.293.941 dosi di vaccino anti Covid.

Da qualche giorno oltre al vaccino Pfizer viene somministrato anche quello prodotto da Moderna. Ad oggi sono 1.511.835 le dosi fornite da Pfizer e 46.800 da Moderna. Da tre giorni sono iniziati i richiami per la seconda dose. L’immunità di gregge è pari al 2,08%. Purtroppo la campagna di vaccinazione anti Covid ha subito un rallentamento significativo a causa della fornitura ridotta del vaccino da parte della Pfizer. Il commissario per l’emergenza Domenico Arcuri spiega che a causa dei ritardi nella consegna dei vaccini della Pfizer l’Italia è passata da una media di 80 mila persone vaccinate al giorno, con una punta di 92 mila, ad una media di 28 mila al giorno.  E’ la regione la Toscana la prima a sospendere la somministrazione delle dosi a causa della scarsità del prodotto. La vaccinazione sarà sospesa per un tempo da definire, intanto si aspetta la nuova spedizione dei vaccini prevista per il 25 gennaio. Carlo Tomassini, direttore del Dipartimento della sanità regionale, afferma che sono garantite tutte le secondi dosi delle vaccinazioni fatte finora. Iniziata la somministrazione delle prime dosi di Moderna al personale toscano dei servizi di emergenza-urgenza e ai volontari impegnati nei soccorsi. Il premier Giuseppe Conte ribadisce che la strategia europea delle vaccinazioni deve procedere in maniera rapida ed efficace e le consegne dei vaccini devono rispettare gli impegni presi. La protezione della salute dei cittadini è al centro dell’azione coordinata dei governi per sconfiggere la pandemia. Intanto la cancelliera tedesca Angela Merkel ha dichiarato che se l’Ema approverà il vaccino Sputnik parleranno di accordi sulla produzione e anche sull’uso del farmaco russo in Europa, per far fronte ai problemi con la Pfizer.  La cancelliera ha affermato che è stato offerto alla Russia un supporto nello sviluppo del vaccino. “Al di là delle ampie differenze politiche, possiamo certamente lavorare insieme in una pandemia, in un settore umanitario.” Queste le parole della cancelliera.

Anna Ammanniti

Parole Chiave - Tags
  •  

IN EVIDENZA

SOCIAL
TOP NEWS