Guidonia – Scoperta frode agroalimentare (foto) | TG24.info
Aggiornato alle: 13:00 di Giovedi 21 Ottobre 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Guidonia – Scoperta frode agroalimentare (foto)

 ULTIME NOTIZIE
Guidonia – Scoperta frode agroalimentare (foto)
11 Ottobre
10:33 2019

 

 

Le attività di indagini dei Carabinieri Forestale evidenziano gli illeciti nel settore alimentare, perpetrati a danno dei consumatori. Non sempre ciò che viene confezionato ed etichettato come prodotto di produzione propria, corrisponde al vero.

Le frodi alimentari sono un perenne campo di battaglia tra produttori disonesti e forze di polizia, impegnate nel controllo della produzione e della vendita di merci non conformi alle leggi vigenti, che a volte non sono genuine e migliori come si vorrebbe far credere. Grazie al continuo impegno dei Carabinieri Forestale nella lotta alla contraffazione agroalimentare, negli ultimi quattro mesi, a Guidonia sono state effettuate denunce e contestate diverse sanzioni amministrative rilevate all’interno del Centro Agroalimentare di Roma C.A.R.. Gli uomini del comandante del Gruppo Carabinieri Forestale di Roma col. Giuseppe Lopez, nello specifico della Stazione di Guidonia Montecelio,  in collaborazione col persone di sorveglianza e la direzione del Centro Agroalimentare C.A.R. hanno denunciato cinque persone all’A.G. per etichettatura irregolare su origine e provenienza; i titolari delle aziende agricole esponevano i prodotti con marchio e logo della propria ditta come se i prodotti fossero di produzione propria ma in realtà erano forniti da terzi.

Nella giornata di mercoledì è stato denunciato il titolare di un’azienda agricola per frode in commercio. Più di 10 tonnellate di patate di diverse varietà, erano state messe in vendita, dichiarate come prodotte nella sua azienda, ma in realtà acquistate da altro produttore. Molte le irregolarità sanzionate  amministrativamente, relative alle omesse indicazioni dei lotti sulle etichettature dei prodotti e alle indicazioni non comprensibili al consumatore italiano, perché apposte in lingua estera. Complessivamente sono state contestate sanzioni amministrative per importo pari a 34 mila euro.

Anna Ammanniti

Parole Chiave - Tags
  •  

IN EVIDENZA

.

SOCIAL
TOP NEWS