Aggiornato alle: 04:00 di Venerdi 10 Luglio 2020
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Gallinaro – Da progetto a realtà, presentato il Cammino di San Gerardo

 ULTIME NOTIZIE
Gallinaro – Da progetto a realtà, presentato il Cammino di San Gerardo
02 Gennaio
21:35 2020

 

 

 

 

“Il Cammino di San Gerardo”, una valida opportunità per il rilancio del turismo religioso e naturalistico, puntando verso risvolti economici sostenibili.

In tal senso, il brillante progetto ideato dal Gerardo Coppola, Presidente del Cai di Gallinaro, sta cominciando a prendere una forma concreta, grazie anche alla sua ufficiale presentazione che si è tenuta nei giorni scorsi a Pettorano sul Gizio (L’Aquila), nella splendida cornice del Castello Cantelmo. In tale sede è stata illustrata la ricostruzione della sentieristica montana percorsa dai pellegrini laziali, abruzzesi e molisani che da secoli travalicano monti e valli dell’Appennino centrale per giungere a Gallinaro in occasione della Festa del Santo Patrono Gerardo, l’11 agosto di ogni anno. “L’esposizione, fortemente voluta dai pettoranesi, gemellati con il nostro Comune – ha sottolineato il consigliere Orfeo Rossi – proprio per la devozione condivisa per San Gderardo, segue il vernissage di sabato scorso presso la sede comunale di Palazzo Zeppa, ed ha riguardato la minuziosa ricostruzione di tutti i percorsi effettuati dalle schiere dei pellegrini fin dalla notte dei tempi.

Un lavoro impegnativo che ha riscosso un nuovo apprezzamento e suscitato grande attenzione ed interesse dalle regioni e province legate al culto, insieme all’Ente Parco, dove si snodano i 680 Km di tracciati che rendono il Cammino unicità assoluta e di altissimo pregio naturalistico”. All’evento erano presenti: il Direttore del Pnalm Luciano Sammarone, il Consigliere della regione Abruzzo Antonietta La Porta, il Sindaco di Pettorano sul Gizio Pasquale Franciosa, il primo cittadino di Scanno Giovanni Mastrogiovanni, il Sindaco di Gallinaro Mario Piselli, il dottor Gerardo Coppola, la sezione Cai da lui presieduta e le rappresentanze dei Comuni e delle Pro Loco. Da un culto così profondamente radicato non poteva che nascere un meraviglioso Cammino che ben simboleggia il legame tra più territori.

Caterina Paglia

SOCIAL
LE PIU' LETTE