Aggiornato alle: 19:30 di Lunedi 23 Novembre 2020
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Frosinone – Nuovo stop per l’ascensore inclinato: un mezzo “a singhiozzo”

 ULTIME NOTIZIE
Frosinone – Nuovo stop per l’ascensore inclinato: un mezzo “a singhiozzo”
04 Luglio
10:44 2018

 

 

 

 

Il 20 giugno la riapertura dopo quasi quattro mesi di chiusura per gli interventi di manutenzione straordinaria. Ma negli ultimi 2 giorni nuovo stop dopo la “ripartenza”.

Proprio a pochi giorni dal via degli eventi estivi per cui il collegamento fra parte alta e centro storico diventa strategica, per favorire una mobilità alternativa rispetto all’auto. Continua la storia travagliata dell’ascensore inclinato di Frosinone. Ieri proteste social e sconforto fra i cittadini che lo utilizzano. Infatti è apparso sull’impianto l’ennesimo foglio con il solito avviso: ascensore fuori servizio per manutenzione. Dal Comune fanno sapere che si tratta di una manutenzione già programmata. Oggi il sopralluogo dei tecnici: si punta a far ripartire subito l’impianto. Il fatto è che il 7 luglio in centro storico, proprio di fronte alla stazione dell’ascensore in piazza Veneto, parte il Festival dei Conservatori. Poco più in là, in piazza Valchera, il Teatro tra le porte caratterizzerà l’estate nella parte alta. Un’occasione per spingere i cittadini a usare l’ascensore e a lasciare l’auto a casa nelle serate estive. La speranza è che l’ascensore possa ripartire almeno per l’avvio degli eventi. In Comune si dicono fiduciosi rispetto all’immediato riavvio dell’impianto. Resta il problema strutturale, non negato dal sindaco Nicola Ottaviani un mese fa in Consiglio. Dopo riparazioni costate oltre 200mila euro 3 anni fa e manutenzioni che costano decine di migliaia di euro l’anno, il sindaco ha ricordato che l’impianto (realizzato dalle amministrazioni che lo hanno preceduto) è condannato a continue “soste tecniche”, per le manutenzioni, il ricambio di parti usurate, i controlli di sicurezza. Il sindaco ha anche rilanciato l’idea del raddoppio della linea dell’ascensore. Per costi – ha riferito in Aula – pari a circa 1,2 milioni di euro. In modo – spiega -da assicurare che almeno una delle due linee funzioni sempre, garantendo il collegamento. “Stiamo bussando in Regione” dice Ottaviani. Intanto con il funzionamento “a singhiozzo” e la fiducia dei cittadini nell’ascensore che crolla, nel prossimo futuro il servizio (ora gratuito) è destinato a costare ai cittadini 50 centesimi a corsa (con esenzioni per under 14 e over 65 anni). E’ quanto previsto dal nuovo bando del trasporto pubblico locale: chi vincerà la gara per il servizio bus in città gestirà anche l’ascensore. Quanti cittadini faranno abbonamenti mensili (15 euro) o annuali (150) per un servizio che finora ha funzionato a giorni (o mesi) alterni?

Alessandro Redirossi

Parole Chiave - Tags
IN EVIDENZA

.

SOCIAL
TOP NEWS