Aggiornato alle: 10:30 di Mercoledi 16 Gennaio 2019
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Frosinone – Muore di polmonite, la famiglia chiede il risarcimento danni alla Asl

 ULTIME NOTIZIE
Frosinone – Muore di polmonite, la famiglia chiede il risarcimento danni alla Asl
10 Gennaio
09:55 2019

 

Muore a 73 anni in ospedale a causa di una polmonite. La famiglia chiede il risarcimento danni all’Asl.

I fatti risalgono a tre anni fa quando la donna nei pressi di Madonna della Neve a Frosinone venne investita da una macchina.

Per tale motivo era stata trasportata in ambulanza presso l’ospedale di Frosinone dove i sanitari le avevano prestato le prime cure. Dagli esami radiografici era venuto fuori che la l’anziana nell’incidente aveva riportato una piccola lesione ad una vertebra. Per tale motivo era stata ricoverata. Ma dopo alcune settimane di degenza aveva contratto il batterio della polmonite ed era morta. I familiari sospettando di trovarsi di fronte ad un caso di malasanità presentarono una denuncia querela in procura.

Rappresentati dall’avvocato Alessandro Loreto puntavano a sostenere che quella malattia la loro congiunta l’aveva contratta in ospedale. Ma le indagini diedero esito negativo. Il caso è stato riaperto a seguito della Legge Gelli entrata in vigore nel marzo del 2017 riguardante le disposizioni in materia di sicurezza delle cure e della persona assistita, nonchè in materia di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie. Il legale Loreto ha presentato un ricorso per accertamento tecnico preventivo.

Il medico legale della procura Alessandro Mariani ha sostenuto che molto verosimilmente il batterio non era presente nella paziente al momento del ricovero e che con tutta probabilità era stato contratto proprio nei giorni in cui la donna si trovava degente. Il 20 febbraio prossimo, il giudice dottor Sordi conferirà l’incarico ad un altro medico legale per le comparazioni del caso. In questa vicenda è stata di nuovo tirata in ballo la compagnia assicurativa che non ritenendosi responsabile non ha mai versato un euro ai familiari della vittima. L’avvocato Loreto sostiene invece che se l’anziana non fosse stata investita con tutta probabilità non avrebbe contratto la polmonite.

Mar.Ming.

Articoli Correlati

LE PIU' LETTE