Frosinone – La Torre della Pace dopo la pandemia | TG24.info
Aggiornato alle: 09:57 di 1 Agosto 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Frosinone – La Torre della Pace dopo la pandemia

 ULTIME NOTIZIE
Frosinone – La Torre della Pace dopo la pandemia
09 Gennaio
18:45 2021

 

 

 

 

 

La giunta comunale di Frosinone ha approvato il progetto per la realizzazione e la consegna della “Torre della Pace”, dedicata ai Santi Patroni, i Papi Silverio e Ormisda, per celebrare la prossima ricorrenza religiosa del prossimo 20 giugno, che potrebbe coincidere con il momento di uscita ovvero del superamento delle situazioni di massima criticità dalla pandemia degli ultimi mesi.

L’opera, che avrà le dimensioni di 15 metri di altezza, trae origine dal concept architettonico realizzato nel 2013 dall’Accademia di Belle Arti di Frosinone e avrà un valore di catarsi laica, dopo l’emergenza sociosanitaria, oltre che di riconciliazione con la storia religiosa e civile della città di Frosinone, che trae le origini nel VI secolo d.C.

La forma slanciata del concept e la posizione della tiara papale – di cui si può notare, già da qualche anno, una versione in forma ridotta, esposta durante le ultime processioni tenutesi al centro storico – ricordano la fisionomia dei due Santi Ormisda e Silverio, fondendo l’esperienza dei due pontificati, che cercarono la riconciliazione della Chiesa di Oriente con quella occidentale, arrivando al momento in cui l’imperatore Giustiniano relegò Papa Silverio sull’isola di Palmarola, fino agli ultimi giorni della sua vita. Sulle infule papali sarà incisa la formula ormisdiana che, ancora oggi, è oggetto di studi storici e scientifici, volti a porre in rilievo il profondo valore ecumenico della testimonianza dei due Papi frusinati. L’opera, che sarà portata in spalla da 30/40 incollatori, avrà un peso di circa 1.500 kg, che insisteranno su una superficie baricentrica di circa 16 mq e sarà realizzata da un pool di progettisti, ingegneri e architetti del capoluogo, attraverso l’ausilio di un’impresa metalmeccanica del territorio che, già in passato, si è occupata di altre importanti strutture religiose, come la copertura della chiesa di Santa Maria Goretti. La Torre della Pace sarà finanziata attraverso un sistema di crowdfunding, rispetto al quale già alcune imprese locali hanno manifestato la propria disponibilità alla copertura, stimata in circa 70/80 mila euro, mentre eventuali integrazioni saranno coperte dall’amministrazione comunale, attraverso i residui impegnati nell’ultima parte dello scorso anno. La Torre della Pace, secondo le indicazioni del sindaco, Nicola Ottaviani, potrà rappresentare il simbolo di identità storica e culturale della cittadinanza, per rafforzare il sentimento di coesione dell’intera comunità seguendo un percorso storico-religioso ma, anche, di forte valenza laica e culturale.

Parole Chiave - Tags
  •  

IN EVIDENZA

SOCIAL
TOP NEWS