Frosinone – Il Consiglio Provinciale istituisce le commissioni | TG24.info
Aggiornato alle: 17:05 di 18 Aprile 2021
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Frosinone – Il Consiglio Provinciale istituisce le commissioni

 ULTIME NOTIZIE
Frosinone – Il Consiglio Provinciale istituisce le commissioni
19 Giugno
21:00 2019

 

 

 

Il Presidente Pompeo illustra il documento dell’Upi a sostegno delle Province rivolto ai sindaci.

Si è svolta oggi la prima seduta del Consiglio provinciale, dopo il conferimento delle deleghe e degli incarichi da parte del Presidente Antonio Pompeo.

Il Consiglio ha deliberato la costituzione delle commissioni. “Lavori pubblici ed attività tecniche”, composta da: Stefania Furtivo, Igino Guglielmi, Gianluca Quadrini, Alessandra Sardellitti, Luigi Vacana. “Sviluppo e Tutela del territorio”, composta da: Gianluigi Ferretti, Igino Guglielmi, Daniele Maura, Gianluca Quadrini, Massimiliano Quadrini. “Programmazione e Regolamenti”, composta da: Andrea Campioni, Germano Caperna, Gioacchino Ferdinandi, Stefania Furtivo, Gianluca Quadrini. “Partecipate della Provincia”, composta da: Gioacchino Ferdinandi, Igino Guglielmi, Alessandra Sardellitti, Vincenzo Savo, Luigi Vacana. Successivamente verranno indicati i presidenti. Inoltre è stata approvata la mozione di sostegno all’istituzione della giornata dedicata alle vittime delle marocchinate e il Presidente Pompeo ha sottoposto all’attenzione del Consiglio, l’ordine del giorno elaborato nel direttivo dell’Upi a sostegno delle Province, da far sottoscrivere a tutti i sindaci del territorio.

“Con l’insediamento delle Commissioni – ha spiegato Pompeo – possiamo dare l’avvio formale ai lavori di questa Consiliatura, a partire dal bilancio necessario per dare quelle risposte che il territorio attende sulla manutenzione stradale e sull’edilizia scolastica in particolare. Un passaggio necessario soprattutto perché ci permetterebbe di realizzare interventi sulle scuole durante la pausa estiva”.

“Come ho ribadito quando ho assegnato le deleghe, il modello di amministrazione che ho scelto sin dal 2014 è quello della condivisione e della collaborazione rispetto alle necessità e ai problemi della nostra terra. E su questa strada intendo continuare perché ha dato risultati importanti, affiancando tale azione al sostegno alle amministrazioni locali. Dobbiamo concentrarci sulla realizzazione della Casa dei Comuni, non solo per la Sua, ma sull’ufficio Europa, sulle funzioni tecniche, sulla polizia provinciale. Sono tematiche essenziali per la vita dei Comuni e qualificano l’attività della Provincia, ente centrale nelle dinamiche territoriali”.

“Proprio in questo senso va il documento, rivolto ai sindaci, che abbiamo elaborato nell’Upi e che chiedo a tutti i consiglieri provinciale di veicolare e sostenere. E’ un documento che non ha colori politici, ma guarda unicamente alla sostanza del nostro ruolo e al rapporto diretto che dobbiamo avere con le amministrazioni locali. Sono richieste al Governo per il pieno ripristino della dignità istituzionale delle Province, attraverso la riscrittura del sistema degli enti locali. Basta tagli e confusione: dobbiamo tornare pienamente operativi. Sono certo che lavorando insieme, queste richieste possano avere maggiore forza e incisività”.

 

GAY PRIDE, POMPEO: “BASTA STRUMENTALIZZAZIONI”

In apertura del Consiglio provinciale il Presidente Pompeo è intervenuto per mettere la parola fine alle polemiche delle ultime ore sul Gay Pride: “La Provincia di Frosinone ha concesso il patrocinio dalla manifestazione e la voce della Provincia è quella del Presidente, così come previsto dalla legge 56, da non confondere con le posizioni personali. Condanno pertanto ogni tentativo di strumentalizzazione, teso a condizionare l’attività dell’ente che presiedo. Porto avanti un’azione di governo trasparente e lineare: qui non ci sono poltrone o incarichi da dividere, ma soltanto la ricerca di un punto di equilibrio rispetto alle tante necessità del territorio, dalle strade al lavoro, dall’ambiente alle scuole. Sono pronto ad aprire una discussione sulle contraddizioni in altri enti, però. Ma qui no, per cui mi sono sentito in dovere di intervenire per rispetto a quest’aula e al lavoro che si porta avanti tra tante difficoltà. Stop alle inutili polemiche pertanto, che non fanno di certo bene a questo territorio e al rispetto delle libertà di tutti i cittadini di questa provincia”.

Parole Chiave - Tags

 

IN EVIDENZA

.

SOCIAL
TOP NEWS