Aggiornato alle: 19:00 di Mercoledi 12 Agosto 2020
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Frosinone – Estorsione e stalking, 40enne indagato

 ULTIME NOTIZIE
Frosinone – Estorsione e stalking, 40enne indagato
01 Luglio
18:15 2020

 

 

 

 

Per aver chiesto un prestito di cento euro una ragazza di 24 anni si era trovata indebitata fino al collo.

Quei soldi le erano serviti per pagare un debito urgente. Ma poi non era riuscita a restituirli. Così R.G un conoscente di 40 anni residente a Sgurgola che le aveva elargito quel denaro, vedendo i soldi non gli venivano restituiti avrebbe preteso cinquanta euro per ogni giorno del ritardato pagamento. Una richiesta a cui la giovane non poteva assolutamente far fronte. Nel giro di poco tempo quel debito di 100 euro si era centuplicato. La ragazza aveva provato a far capire al 40enne che aveva bisogno di tempo per racimolare quel denaro, ma lui per tutta risposta le aveva sferrato un pugno in pieno volto causandole delle lesioni a livello timpanico. Ma quella era stata soltanto una delle volte in cui era stata aggredita e massacrata di botte dallo sgurgolano. La ragazza per paura di incontrarlo evitava persino di uscire di casa.

E nelle rare volte che era costretta a farlo si faceva accompagnare dai suoi familiari. Il creditore però senza perdersi di animo si era trasformato in un vero e poprio stalker minacciando di morte la madre e la nonna della giovane e dicendo loro che le avrebbe dato fuoco se la 24enne non restituiva il denaro che gli aveva prestato. Una volta aveva cercato persino di investire la debitrice con il suo furgone. Una situazione che a lungo andare è diventata insostenibile. La giovane a causa di quel perdurante stato di tensione aveva cominciato ad avere anche problemi depressivi. Così un giorno non potendone più si è recata presso la caserma dei carabinieri ed ha presentato denuncia nei confronti dello stalker. Subito dopo la denuncia la procura ha aperto una inchiesta. Nei giorni scorsi c’è stata la conclusione delle indagini preliminari. L’avvocato Mario Cellitti che rappresenta l’indagato avrà venti giorni di tempo per consegnare al magistrato inqurente le memorie difensive. L’uomo deve rispondere dei reati di estorsione e di stalking.

Parole Chiave - Tags
SOCIAL
LE PIU' LETTE