Aggiornato alle: 20:30 di Lunedi 30 Novembre 2020
Testata Giornalistica Telematica n.1/12

Frosinone – Covid, appello di Scialò (Opi): “Non lasciamo che medici e infermieri non lavorino in sicurezza”

 ULTIME NOTIZIE
Frosinone – Covid, appello di Scialò (Opi): “Non lasciamo che medici e infermieri non lavorino in sicurezza”
24 Ottobre
17:00 2020

 

 

 

 

Le riserve sono tante e le critiche, sempre costruttive, non sono da meno. Il presidente dell’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Frosinone, il dottor Gennaro Scialò, intervenendo alla trasmissione di Teleuniverso A Porte e Aperte, condotta da Fabio Cortina, ha lanciato un appello all’Asl di Frosinone. “Non lasciamo che medici e infermieri non lavorino in sicurezza nelle strutture sanitarie, il loro stato di salute in questo momento è fondamentale”, ha detto Scialò.

Non condividiamo affatto – ha aggiunto – la politica del costo vivo nell’assistenza sanitaria intrapresa dall’Asl di Frosinone in questa fase critica dell’emergenza.

Il riferimento è esplicito, mi riferisco ai cosiddetti alberghi Covid. La ASL ha preferito optare per una spesa che prevede un costo vivo invece che prevedere un investimento sulle attuali strutture sanitarie pubbliche, come gli ospedali dismessi, che potrebbero ospitare in questo momento le persone in isolamento e che comunque sarebbero rimaste anche nel post Covid a disposizione dei cittadini. Infatti una volta passata la pandemia, l’investimento sarebbe stato ben ripagato sia durante che dopo il Covid.

Nella prima fase, che ha colto evidentemente tutti di sorpresa, c’è stato un ottimo lavoro svolto ad ogni livello, ora nonostante la consapevolezza che la seconda ondata sarebbe arrivata da Ottobre, ci si è fatti nuovamente sorprendere dal virus. I mesi trascorsi infatti, sarebbero dovuti servire a programmare, prevenire e intervenire, invece in questo momento il caos, l’insicurezza e la demotivazione a riaffrontare tutto d’accapo a questo prezzo, regna sovrano.

Eppure, nella Asl di Frosinone ci sono tantissime professionalità competenti, in molti casi eccellenze sia nel personale medico che infermieristico ma il collo di bottiglia si crea a livello verticistico, ossia nell’organizzazione manageriale. Medici e infermieri non sono eroi, ma professionisti prima, durante e dopo l’emergenza. Per il resto questa volta veramente che di Dio ce la mandi buona”.

IN EVIDENZA

.

SOCIAL
TOP NEWS